Comprare azioni Apple

Il mercato azionario consta di un segmento di titoli definito “blue chip“, al quale appartengono dei colossi di svariati settori che non passano inosservati agli occhi di trader di tutto il mondo. A tal proposito, sembra che l’idea di comprare azioni Apple stia stuzzicando ancora un interessante numero di azionisti: ma investire sul titolo AAPL è ancora una scelta conveniente?

La società statunitense Apple, fondata nel 1976 dal visionario Steve Jobs è riuscita, nel corso degli anni, ad imporre i propri prodotti come dei must have per una clientela ampia e diffusa su scala mondiale. Tutto ciò, naturalmente, ha giovato alle azioni Apple: oggetto di scambio sin dall’ingresso del titolo sul mercato, rientrando tra i più profittevoli sia per operazioni speculative che per investimenti di lungo termine.

In effetti, è innegabile l’exploit che le azioni Apple (AAPL) hanno vissuto negli ultimi tempi, rientrando dal 2017 nel gruppo di titoli “FAANG“, grazie alle performance riportate e al ruolo di leader che ha giocato nel settore tecnologico.

Azioni Apple: Guida completa di Giocareinborsa.online

Attualmente, la situazione in cui riversano le azioni Apple appare un po’ più incerta, soprattutto a causa del declino vissuto dall’intero segmento di mercato al quale il titolo appartiene. Per questa ragione, sarà fondamentale analizzare i principali aspetti che caratterizzano la società statunitense ed il titolo quotato in Borsa, al fine di comprendere come e se conviene comprare azioni Apple.

Azioni Apple – Riepilogo:

📄 ISIN e Ticker:US0378331005 – AAPL
📈 Mercato di riferimento:NASDAQ
💰 Capitalizzazione media:2.54 Bln $
🔎 Settore:tecnologico 
💼 Data IPO:1980
💸 Target Price Medio:191 USD
❓ Come comprare:Trading DMA / CFD
💻 Dove comprare:eToro / Capital.com / FP Markets
Azioni Apple tabella introduttiva

Dove comprare azioni Apple: Migliori piattaforme

Migliori piattaforme sicure ed affidabili per comprare azioni Apple:

eToro

  1. Social & Copy Trading
  2. Staking crypto (ricompense)
  3. CopyPortfolios

Con eToro puoi copiare le operazioni dei trader professionisti, investire in portafogli gestiti ed ottenere ricompense automatiche.

Inizia ora

Capital.com

  1. Intelligenza Artificiale
  2. MT4 & TradingView
  3. Segnali Trading Central

Capital.com è il broker perfetto per lo "Smart Trading" e per fare trading in modalità automatica su 4.000+ mercati.

Inizia ora

FP Markets

  1. Social Trading
  2. AutoTrading
  3. Spreads 0.0

FP Markets è la piattaforma ideale per chi intende fare trading automatizzato, avere spreads bassi e fare trading con algoritmi.

Inizia ora

IQ Option

  1. Trade min. 1€
  2. Social Trading
  3. Tornei e Conto VIP

IQ Option è il broker ideale per chi vuole iniziare nel trading con piccole somme. Piattaforma veloce, intuitiva e stile "gaming".

Inizia ora

Trade.com

  1. Segnali Trading
  2. MetaTrader 4 / 5
  3. Corsi personalizzati

Trade.com offre piattaforme ideali per il trading algoritmico, offre segnali e corsi di formazione gartuiti.

Inizia ora

Prima di iniziare uno studio completo ed aggiornato sul titolo Apple, è necessario introdurre un’ulteriore questione: la scelta della piattaforma con cui accedere al mercato. Considerando le insidie che possono rendere difficile tale selezione, abbiamo proposto una tabella comprensiva delle migliori piattaforme azioni.

Ciò significa che ciascun broker qui presente è legalmente autorizzato a prestare i propri servizi ai trader interessati, grazie alle regolamentazioni ottenute da organi di controllo internazionali, il cui obiettivo è la tutela degli utenti.

Inoltre, un aspetto particolarmente vantaggioso di scegliere un valido e professionale broker per comprare azioni Apple ricade sulle commissioni di trading, le quali appaiono variabili e sostenibili anche a piccoli investitori indipendenti.

In qualsiasi caso, anticipiamo che broker come eToro (sito ufficiale qui) mettono a disposizione dei propri utenti un conto demo gratuito e illimitato, col quale testare sia il funzionamento della piattaforma, che le proprie abilità: tutto ciò, senza esporre ad alcun tipo di rischio il proprio capitale, poiché si utilizzerà un credito virtuale fornito dal broker stesso.

Per quanto ogni trader abbia delle esigenze di natura soggettiva, è bene comprendere che broker competenti e autorizzati al 100% forniscono un supporto costante per studiare al meglio i mercati, grazie alla presenza di numerose funzioni all’avanguardia e che sostengono sia investitori esperti che neofiti. Infatti, broker come Trade.com offrono un’intera sezione formativa gratuita (disponibile qui), dalla quale porre le basi per capire come e quali strategie adottare per acquistare azioni AAPL.

Come comprare azioni Apple

Dopo aver scelto la piattaforma di trading più adatta alle nostre esigenze, prima di comprare azioni Apple dobbiamo risolvere un altro dubbio: quale modalità di investimento prediligere? Il motivo di tale domanda è dovuto alla presenza di due opzioni possibili, quando si fa trading online, per accedere al mercato:

Questa prima possibilità implica degli investimenti attraverso strumenti finanziari derivati, tecnicamente noti come “Contratti per Differenza“. Optando per tale modalità di investimento, si potrà approfittare della versatilità e della flessibilità che caratterizza i CFD.

Infatti, sono degli strumenti con i quali poter ottenere profitti dalle fluttuazioni di prezzo che un asset registra sul mercato, poiché non verrà acquistato ed inserito direttamente nel proprio wallet. In più, con i CFD è possibile investire al ribasso, ovvero vendere allo scoperto: operazione vantaggiosa con cui tentare di chiudere in positivo anche durante situazioni di subbuglio sui mercati.

La scelta di investire tramite CFD si rivela adatta sia per piazzare ordini di brevissimo termine, che per condurre strategie di medio/lungo periodo. Qualsiasi sarà la scelta, si andrà incontro a commissioni pressoché inesistenti: i broker CFD applicano esclusivamente lo spread; una cifra variabile che indica il differenziale tra prezzo di acquisto e di vendita di un asset.

Pertanto, il trading CFD si rivolge anche ad utenti alle prime armi, i quali intendono investire mantenendo una gestione diretta e attiva del rapporto rischi/profitti.

  • trading DMA

Questa seconda opzione assume un carattere più tradizionale, così come descrive l’acronimo “DMA“: ovvero “Direct Market Access”. In questo caso, infatti, gli investitori acquisteranno direttamente un titolo azionario, da inserire nel proprio portafoglio. Di conseguenza, tra i vantaggi del DMA c’è l’occasione di puntare ad azioni da dividendo, al fine di ottenere una remunerazione maggiore dai propri investimenti.

A tal proposito, potrebbe risultare interessante scoprire la proposta di eToro sulle Real Stocks, la quale prevede l’acquisto diretto di titoli reali esteri selezionati a 0 commissioni, particolarmente conveniente per trader interessati ad investimenti estesi nel tempo. Infatti, è bene sapere che il trading DMA offre un’esposizione unilaterale al mercato, poiché sarà possibile investire esclusivamente al rialzo.

Ciò significa che si potranno generare rendimenti solo se il valore dell’asset aumenterà come previsto. D’altro canto, una soluzione di lungo termine permette di evitare di incorrere nella volatilità giornaliera e nelle micro-tendenze tipiche per operazioni condotte giornalmente; motivo per il quale fare trading DMA risulta un’opzione interessante, ma adatta ad investitori già avanzati, che sanno come adottare l’approccio da holder.

Analisi fondamentale per comprare azioni Apple

Il primo passo da compiere, durante una fase di pre-investimento, ricade sullo studio dell’asset verso cui stiamo dirigendo la nostra attenzione. Nello specifico, sarà necessario partire dall’analisi fondamentale delle azioni Apple: una disciplina non ostica nemmeno per trader alle prime armi, la quale offre una prima visione d’insieme circa lo stato attuale della società emittente del titolo e i possibili margini di crescita che la riguardano.

Attuando un’analisi fondamentale corretta, un investitore potrà individuare il valore intrinseco della società Apple (fair value), ma anche tutti quei fattori di natura microeconomica e macroeconomica che possono incidere sull’andamento del titolo sul mercato. Di conseguenza, con l’analisi fondamentale si potrà valutare la solidità economico-finanziaria della società e la convenienza del titolo AAPL, soprattutto da prospettive di lungo termine.

A seguito di quanto abbiamo appena affermato, ecco i punti salienti che affronteremo nei paragrafi precedenti, al fine di restituire un’analisi da cui ricavare i più importanti dati fondamentali che caratterizzano la Apple, star indiscussa del NASDAQ:

  • Dati societari: si tratta di un primo focus da cui estrapolare i risultati finanziari passati registrati sia dalla società che dalle azioni sul mercato, utile al fine di valutare le capacità di crescita e di miglioramento della Apple, ma anche per comprendere l’andamento dell’esercizio fiscale del gruppo durante gli ultimi anni;
  • Business Model: piano strategico attuato dalla multinazionale per creare valore competitivo e posizionarsi in maniera stabile e predominante nel proprio comparto di mercato. Inoltre, è uno dei parametri più interessanti da cui individuare le strategie future che una società intende attuare, al fine di assicurarsi una crescita costante e stabile sul mercato;
  • Azionariato: studio della composizione degli azionisti del gruppo, da cui poter valutare la convenienza di un’operazione finanziaria, ma anche i livelli di liquidità che caratterizzano il titolo;
  • Competitors: analisi di tipo settoriale; risulta essenziale per conoscere la posizione che una società come Apple riesce ad occupare, paragonata con player che propongono i medesimi prodotti/servizi;
  • Figure chiave: è un ultimo studio dal quale conoscere il CEO/ il fondatore che ha dato il via ad un gigante come Apple, il quale può incidere sulla reputazione e sull’interesse che stakeholders istituzionali, così come piccoli investitori indipendenti, possono mostrare verso il titolo.

Dopo aver raccolto ed esaminato tali dati, sarà possibile scoprire i valori e gli obiettivi che guidano la società Apple, nonché le possibilità che questa possiede di crescere sul mercato e far apprezzare ulteriormente le azioni emesse. In breve, l’analisi fondamentale è il primo step da cui decidere come e quando comprare azioni Apple.

Dati societari Apple

Riprendendo il discorso appena concluso, il primo aspetto di cui occuparsi riguarda un approfondimento dei dati societari e dello storico della Apple, da cui comprendere le percentuali di crescita che hanno sostenuto la società nel corso degli ultimi anni.

Per offrire delle informazioni chiare e di facile interpretazione, ecco una tabella che sintetizza i risultati fiscali riportati dalla multinazionale californiana tra il 2019 ed il 2021:

📅Periodo fiscale:201920202021
Market Cap$998 874 mln$41 920 273 mln$2 428 612 mln
Vendite Nette$260 174 mln$274 515 mln$365 817 mln
Free Cash Flow$58 896 mln$73 365 mln$92 953 mln
Profitti Netti$55 256 mln$57 411 mln$94 680 mln
Dato societari Apple 2019/2021

La tabella mette in evidenza una costante crescita ed un netto miglioramento dei risultati finanziari ottenuti dalla Apple, soprattutto durante il 2021. Infatti, sembra che questo sia stato un anno da record per la multinazionale californiana, la quale ha superato i $120 miliardi di fatturato. Durante questo periodo, la società è riuscita a superare persino le aspettative degli analisti, riportando vendite in aumento per le singole categorie di prodotti commercializzati.

Parallelamente, come mostrano le statistiche estratte dal conto demo gratuito di eToro, le azioni Apple durante il periodo 2019/2022, hanno gradualmente incrementato il proprio valore:

Storico azioni Apple
Storico 2019/2022 azioni Apple

L’immagine sovrastante mette in risalto quanto appena affermato: l’ultimo triennio, seppur con qualche fase altalenante, ha giovato notevolmente alla quotazione delle azioni Apple. Con un valore pari a $49 per azione nel 2019, il 2021 si è concluso con un prezzo per share di $170. Difatti, durante questo periodo, c’è stato un incremento percentuale del +201.8%.

Ampliando le nostre prospettive, emerge che le azioni Apple sono cresciute del +311.2% durante gli ultimi 5 anni, premiando gli azionisti che hanno deciso di darei fiducia al colosso del settore tecnologico adottando approcci di medio/lungo periodo. Nonostante le performance più recenti, soprattuto di breve termine, non siano più così positive, è possibile che il titolo rientri ancora tra le migliori azioni da acquistare.

Business Model Apple

Studiare il business model attuato da una delle multinazionali più redditizie e popolari del 21 secolo significa sicuramente approfondire l’appetibilità in termini finanziari delle azioni Apple, ma anche entrare in contatto con uno dei casi-studio più interessanti, il quale ha completamente rivoluzionato il mercato tech.

Il business e le campagne di marketing Apple, sono immediatamente associabili ai seguenti concetti:

  • Innovazione

Sin dall’introduzione del primo personal computer nel 1977, la società fondata da Steve Jobs ha dimostrato di saper anticipare le tendenze e di riuscire a soddisfare le esigenze di qualsiasi clienti, proponendo delle interfacce innovative da un punto di vista grafico, ma anche delle novità in termini prettamente funzionali.

Attualmente, il carattere innovativo della multinazionale ha inciso in maniera così preponderante da attuare modifiche nelle abitudini di consumo: possedere prodotti appartenenti al marchio Apple significa essere in tendenza. Difatti, parliamo di un brand così innovativo da essere diventato un bisogno da soddisfare, andando ben oltre il semplice processo di acquisto per i clienti interessanti;

  • Business integrato verticale

Scendendo nei particolari, non possiamo non menzionare le strategie attraverso le quali la Apple riesce ad ottenere i risultati record che presenta, costantemente, da diversi anni. Grazie all’adozione di un business integrato e verticale, la multinazionale riesce a controllare attentamente tutti i comparti produttivi che la caratterizzano, al fine di porre la qualità ed il design dei molteplici prodotti commercializzati al primo posto.

Da ciò, si evince che la società è riuscita ad attuare una strategia di diversificazione interna, relativa sia ai prodotti che agli abbonamenti da poter sottoscrivere alle piattaforme proprie (es: iTunes). Grazie alla reputazione ottimale di cui ormai il marchio gode e l’indiscutibile qualità dei prodotti Apple, il gruppo riesce a garantirsi profitti in costante aumento, seppure i prezzi siano poco competitivi rispetto ai competitor.

  • Target di clienti fidelizzati su scala globale

Un ultimo punto che rafforza la società Apple da un punto di vista economico è la presenza di un target di consumatori sempre più ampio, diffuso su scala mondiale, ma anche fidelizzato. Infatti, il gruppo è presente sia presso gli USA, che sull’intero territorio dell’eurozona, che nei principali paesi orientali come Giappone e Cina. Tale informazione rileva ulteriormente come la multinazionale fondata da Jobs goda di una posizione predominante rispetto ai propri competitori, vantando una customer’s satisfaction invidiabile.

Apple Modello Business copia
Business Model Apple

La svolta messa in atto dalla Apple ha avuto una risonanza sia per il segmento di mercato tecnologico, che per la società stessa, riuscendo ad integrare prodotti di ultima generazione, dal design moderno ed accattivante, senza mettere in secondo piano la funzionalità e la qualità degli stessi. Con ciò, possiamo concludere che l‘envisioning della multinazionale americana è perfettamente in linea con gli obiettivi di mercato raggiunti: ecco il motivo per il quale la Apple detiene una completa fiducia da parte di numerosi stakheolders ed piccoli azionisti indipendenti.

Azionariato Apple

La presenza di importanti stakeholders che danno fiducia al titolo Apple è un indicatore che, agli occhi di molteplici investitori, si rivela utile per capire il contributo la società offre a coloro che decidono di supportarla da un punto di vista finanziario.

L’azionariato Apple è così suddiviso:

👨‍🏫Principali azionisti% di azioni
Vanguard Group, Inc7,79%
BlackRock Inc.6,30%
Berkshire Hathaway, INC5,48%
State Street Corporation3,91%
Azionariato Apple

Gran parte degli azionisti Apple (59,74%) è costituito da personalità istituzionali, mentre solo uno 0,7% è di proprietà degli insider. Una presenza così consistente di figure di spicco del settore, come la Berkshire Hathaway di Warren Buffett è una delle principali rassicurazioni che spingono gli investitori ad inserire tali azioni nel proprio wallet, consapevoli della stabilità e delle possibilità di crescita del titolo possedute sul medio/lungo termine. Per concludere, è bene sapere che il flottante restante è destinato ad azionisti e trader indipendenti, i quali possono accedere al titolo AAPL attraverso piattaforme di trading come eToro (sito ufficiale qui).

Competitors Apple

Per un’analisi fondamentale completa, ricordiamo il peso dell’analisi dei competitors; una tipologia di studio di natura comparativa che rende evidente il ruolo svolto da Apple rispetto a società che occupano il medesimo settore di mercato e, pertanto, potrebbero influenzarne la redditività e i livelli di crescita futuri.

I principali competitors Apple sono:

  • Microsoft: la società fondata da Bill Gates è una delle pietre miliari appartenenti al segmento tecnologico/informatico. Sempre al centro di costanti innovazioni ed acquisizioni strategiche, il business della Microsoft è uno dei più preoccupanti per la Apple;
  • Samsung: si tratta di una società che compete con Apple soprattutto per la commercializzazione di smartphone, ponendo una sfida continua tra iOS e Android. Il gruppo Samsung, tuttavia, occupa il secondo posto sul podio, poiché la società fondata da Jobs sembra non aver intenzione di abbandonare il proprio ruolo da leader;
  • Google: la competitività tra Apple e il motore di ricerca più utilizzato al mondo si è accesa nel corso degli anni, soprattutto per ciò che riguarda la raccolta e l’acquisizione dei dati. Attualmente, è innegabile che Google sia una delle società più influenti nel settore tech;
  • IBM: con una market cap pari a123,83 miliardi di dollari, l’International Business Machines Corporation è una delle pioniere del settore informatico. Grazie a delle strategie in costante rinnovamento, il gruppo riesce a mantenere un fatturato elevato e ad accaparrarsi un’importante fetta di clienti.

La lista dei competitori della Apple potrebbe prolungarsi ulteriormente, poiché opera in uno dei contesti più dinamici e concorrenziali del momento. Tuttavia, sembra già evidente che la società di Cupertino occupa ormai una posizione stabile e predominante, in quanto ha raggiunto la vetta del mercato rispetto ai competitors, diventando la prima società a superare i 3.000 miliardi di dollari a Wall Street.

Figure chiave: Steve Jobs

Prima di terminare lo studio dei fondamentali Apple, intendiamo approfondire un ultimo aspetto: una breve presentazione di Steve Jobs, il visionario che ha ideato, progettato e messo in piedi la società Apple nel lontano 1976. Si tratta di una figura imprenditoriale tra le più affascinanti di sempre: oltre ad aver fondato la Apple, è stato persino fondatore della Pixar Animation, prima che venisse acquisita dalla Walt Disney.

Steve Jobs: figura chiave e fondatore Apple

Tra i momenti memorabili in cui Jobs è stato al centro dell’attenzione mediatica, si ricorda il celebre discorso che tenne agli stupendi dell’università di Stanford nel 2005, durante il quale ha raccontato la propria storia personale e, naturalmente, ha spiegato l’ideazione del primo modello Mac.

La Apple viene ufficialmente fondata nel garage della casa della famiglia di Jobs quando aveva solo vent’anni e ha operato in veste di CEO fino al 2011, quando ha poi dovuto lasciare l’incarico per problemi di salute. Nonostante la sua scomparsa, ancora oggi, Steve Jobs è una personalità apprezzata e rinomata in tutto il mondo, le cui ideazioni hanno aperto la strada per un’ascesa del comparto tech.

Con il motto “Stay hungry, Stay foolish“, Jobs è uno degli imprenditori più influenti di sempre, la cui genialità ha concesso alla Apple di fondare un marchio che, in breve tempo, è riuscito a penetrare e a modificare radialmnente le esigenze e le abitudini di fruizione dei principali dispositivi elettronici di cui, chiunque, si serve quotidianamente.

Comprare azioni Apple con l’analisi tecnica

Per quanto l’analisi fondamentale fornisca una panoramica particolare circa le performance del gruppo statunitense Apple e riesca a far comprendere al trader i livelli di solidità della società e del relativo titolo in Borsa, per ottenere informazioni più certe per orientare i propri investimenti, entra in gioco lo studio di un’altra disciplina: l’analisi tecnica. 

In questo specifico caso, bisognerà affrontare una tipologia di studio dall’impronta analitica, godendo del supporto di grafici di trading professionali, gratuitamente disponibili su piattaforme come eToro (panoramica del sito qui). Tali grafici consentono di analizzare le performance passate riportate dalle azioni Apple (AAPL), al fine di effettuare previsioni di Borsa più precise, orientate verso gli orizzonti temporali che ricopriremo con le nostre operazioni sul titolo. 

Fare analisi tecnica sulle azioni Apple comporta una personalizzazione dei grafici. In prima istanza, è bene scegliere di impostare appositi indicatori di trading, i quali possono aiutarci ad individuare segnali di ingresso/chiusura, o le tendenze vissute dall’asset. 

Ecco gli indicatori che utilizzeremo negli esempi seguenti, i quali sono di facile interpretazione anche per investitori alle prime armi:

  1. Media Mobile: strumento dinamico che propone una media tra le performance passate e quelle più attuali di un titolo, aiutando il trader ad identificare sia il trend di mercato che i momenti di ingresso e uscita dal mercato;
  2. Bande di Bollinger: indicatore di volatilità per eccellenza, è costituito semplicemente tra medie mobili differenti;
  3. Alligator: particolarmente apprezzato come indicatore di tendenza, misura la forza e la direzione che un asset sta intraprendendo sul mercato. Anche in questo frangente, si tratta di uno strumento intuitivo, formato da tre medie mobili diverse.

La scelta dell’indicatore non è casuale. D’altronde, per ricavare dati più precisi, dopo aver acquisito esperienza, l’ideale sarebbe integrare diversi indicatori. In questo modo, otterremo un quadro più accurato della situazione che le azioni Apple stanno vivendo.

Inoltre, ricordiamo l’importanza di impostare il time frame corretto, il quale dovrà essere coerente con la frequenza temporale con cui abbiamo deciso di accedere al mercato.

A tal riguardo, ecco le differenti possibilità disponibili per effettuare l’analisi tecnica sulle azioni Apple:

  1. Breve periodo: il time frame va da 5 a 30 minuti; si rivela adatta a speculazioni giornaliere attraverso i CFD;
  2. Medio periodo: il grafico va impostato su un’ora o quattro ore, così da approfittare di trend di mercato già avviati e consistenti;
  3. Lungo periodo: di norma, il time frame è più esteso ed è settabile su un giorno, così da aprire posizioni che possono durare diversi mesi o addirittura anni.  

L’analisi tecnica può risultare molto più insidiosa, ragione per la quale trader ancora poco abili, potranno assicurarsi un periodo di prova semplicemente aprendo un conto demo gratuito su eToro. In questo modo, sarà possibile testare le proprie strategie e provare a gestire un capitale virtuale, così da affinare le proprie tattiche ed esser pronti a comprare azioni Apple. 

Analisi tecnica breve periodo su Apple

In riferimento a quanto appena descritto, possiamo iniziare presentando un esempio di analisi tecnica di breve periodo sulle azioni Apple. Il grafico, in questo specifico caso, è impostato su un orizzonte temporale di soli 5 minuti, ed è stato estratto dal conto virtuale di prova gratuito di eToro. Inoltre, l’indicatore utilizzato è la Media Mobile Semplice (a 20 periodi). Tale tipologia di studio è particolarmente adatta ad investitori interessati ad effettuare operazioni speculative attraverso i CFD, aprendo e chiudendo posizioni durante la medesima giornata.

analisi tecnica breve periodo Apple
Analisi apple di breve periodo

Abbiamo individuato, grazie all’indicatore applicato, un breve trend al ribasso vissuto dalle azioni Apple, già anticipato da un momento di gap-down. Si tratta di una tendenza durata circa 6 ore, durante le quali il titolo AAPL ha riportato una performance in negativo del -4.91%.

Situazioni del genere, naturalmente, prevedono operazioni di vendita allo scoperto; possibili esclusivamente adoperando i CFD, con i quali è possibile sfruttare a proprio vantaggio anche trend ribassisti come quello evidenziato nell’esempio sovrastante.

Analisi tecnica medio periodo su Apple 

L’analisi tecnica di medio periodo sulle azioni Apple si rivolge sia ad investitori che operano con CFD, che a coloro che prediligono una modalità di investimento diretta (DMA). Difatti, si apriranno posizioni da tenere aperte per qualche settimana, al fine di trarre vantaggio da tendenze di mercato già ben consolidate e cavalcarle a proprio favore. 

Il grafico qui inserito, appartenente ad un conto dimostrativo gratuito e illimitato eToro, è stato impostato su 1 ora, con l’applicazione delle Bande di Bollinger.

analisi tecnica medio periodo azioni apple
Analisi Apple di medio periodo

La prima considerazione è legata ai livelli di volatilità facilmente individuabili analizzando l’ampiezza tra le medie mobile dell’indicatore. Infatti, nell’immagine sovrastante, si nota un periodo pressoché stabile per il titolo AAPL, in quanto l’ampiezza tra le bande è contenuta. Infatti, abbiamo evidenziato un trend rialzista durato per tutta la seconda parte del mese di marzo.  Durante quest’arco temporale, le azioni Apple hanno aumentato il proprio valore del +19.99%, agevolando i trader che hanno deciso di adottare un approccio più statico e meno dinamico rispetto all’esempio precedente.

Analisi tecnica lungo periodo su Apple

Infine, è possibile offrire un esempio,  grazie al grafico estratto dal conto di prova gratuito eToro, di analisi tecnica di lungo periodo sul titolo Apple. Si tratta di un approccio abbastanza comune tra gli investitori che intendono evitare i tipici rumori di mercato, adottando un approccio da cassettisti. Difatti, in questo caso, grazie a time frame più estesi, hanno l’occasione di aprire posizioni che possono perdurare anche per diversi anni. Si tratta di una soluzione perfetta per comprare azioni in modalità DMA, anche se è possibile ugualmente considerare investimenti di natura più flessibile grazie ai già citati DMA.

analisi tecnica lungo period oazioni apple
Analisi Apple di lungo periodo

Nell’esempio in questione, l’indicatore utilizzato è l’Alligator, dal quale è possibile scoprire il trend dominante di mercato, ma si possono definire anche i livelli di volatilità affrontati dall’asset di riferimento. In linea generale, la conformazione delle tre medie mobili mostra un andamento abbastanza lineare delle azioni Apple, le quali non sono state soggette a picchi di volatilità estremi. 

Inoltre, abbiamo individuato un graduale rialzo di valore sul titolo AAPL, iniziato a metà maggio 2021 e perdurato sino all’inizio del 2022. Durante questo prolungato periodo, c’è stato un miglioramento nelle performance del titolo pari al +33.85%. Nonostante la segnalazione di un movimento correttivo ribassista, le azioni Apple sono state oggetto di operazioni finanziarie e al centro dell’interesse dei trader, a tal punto da proseguire verso il proprio cammino al rialzo. 

Investire in azioni Apple: Prospettive future

Quando conviene comprare azioni Apple? Dopo un’analisi di tipo tecnico e fondamentale, è naturale chiedersi quale sia la prospettiva più conveniente da adottare per investire sul titolo statunitense AAPL. Per offrire una visione il più esaustiva possibile che risponda a tale questione, gli argomenti da affrontare sono i seguenti:

  • Individuazione dei target- price: prezzi-obiettivo previsti per le azioni Apple;
  • definire le prospettive future del titolo: compiere un ultimo studio tecnico, dal quale tracciare il possibile percorso delle azioni qui prese in esame.

A causa dei più recenti scenari, spesso sfavorevoli al titolo statunitense, numerosi investitori hanno mostrato una leggera titubanza verso l’acquisto delle azioni Apple. Tuttavia, si può anticipare che numerosi esperti ritengono il declino del titolo una situazione passeggera, la quale non dovrebbe intaccare le possibilità che le azioni Apple possiedono di intraprendere un nuovo rally rialzista.

Target Price azioni Apple 

La prima questione da approfondire riguarda i target-price delle azioni Apple, ovvero dei range di prezzo che, stando ad un’approfondita e meticolosa analisi tecnica, gli esperti hanno stabilito sul medio periodo. Nello specifico, verrano presentati dei target-price suddivisi in tre livelli: dal minimo al massimo; da cui scoprire quali sono le opportunità attese per il titolo AAPL.

Lo studio dei target-price rientra in quella fase di pre-investimento fondamentale, durante la quale un trader inizia a stabilire la strategia di trading e l’orizzonte temporale che intende adottare, al fine approfittare delle previsioni di Borsa effettuate.

Secondo i nostri esperti, il target price minimo, medio e massimo che un’azione Apple (AAPL) potrebbe raggiungere è di:

🔽Target Price Minimo⏹️Target Price Medio🔼Target Price Massimo
$145.00$191.00$219.00
Target Price Minimo, Medio e Massimo azioni Apple

In base alle performance che le azioni in questione hanno riportato durante l’ultimo anno, possiamo anticipare che gli scenari futuri sul titolo AAPL promettono bene. Infatti, il valore massimo raggiunto è stato di $122 per azione, con un picco massimo pari a $182.94. Analizzando i prezzi obiettivo qui inseriti, si nota un vero e proprio cambio di direzione per il titolo tecnologico statunitense, il cui target price minimo sul medio periodo è stabilito sulla soglia dei $145 per share: un interessante passo in avanti rispetto ai risultati passati.

I dati e le informazioni a carattere previsionale non sono da considerare certi al 100%, poiché il mercato finanziario, soprattutto da un’ottica di medio/lungo periodo, è soggetto a numerose variazioni causate da fattori di natura macroeconomica e microeconomica. Di conseguenza, è essenziale restare aggiornati e tenere sotto controllo l’andamento del titolo sul mercato se si intendono orientare correttamente le proprie operazioni di compravendita sulle azioni Apple.

Previsioni azioni Apple 2023/2024

Un’accurata analisi legata al futuro che attende il titolo Apple, necessita un ulteriore studio tecnico condotto grazie al grafico del conto demo gratuito eToro. Le previsioni in questione, considerano l’andamento possibile del titolo statunitense durante il biennio 2023/2024:

previsioni azioni apple 2023:24
Azioni Apple: Previsioni 2023/2024

Durante questi ultimi tempi del 2022, il mercato azionario in generale ha subito dei forti crolli. Tale situazione è stata vissuta direttamente anche da titoli appartenenti al settore tecnologico, tra cui le azioni Apple, ma anche le azioni Meta Facebook. Nonostante ciò, le ultime news riguardano l’acquisto di azioni Apple da parte del noto investitore Warren Buffett, per un totale di ben 600 milioni di dollari. Sembra che una delle ragioni che ha indotto Buffett a negoziare sul titolo AAPL, oltre che una stima verso la società stessa, sia stato proprio il calo di prezzo registrato dalle azioni. 

Infatti, il sentiment generale prevede un progressivo rialzo per le azioni Apple, così come mostra anche l’immagine sovrastante. Tra gli scenari individuati, è stato rilevato che entro il 2023, le azioni Apple potrebbero raggiungere una quotazione di $175 per azione. Dopodiché, per l’anno 2024, il titolo statunitense potrebbe toccare nuovamente un valore di $180.

Diversi analisti, tra cui Morgan Stanley, ritengono che comprare azioni Apple sia una scelta che darà i suoi frutti sul medio/lungo periodo. Infatti, le stime previste per il futuro sono state più volte  riviste al rialzo, con margini di crescita almeno del 20% rispetto all’attuale valore di mercato. Naturalmente, il modo migliore per investire sul titolo AAPL è restare aggiornati sull’andamento delle azioni in Borsa e sulle notizie che possono influenzare, sia positivamente che negativamente, le quotazioni delle azioni. 

Acquistare azioni Apple conviene?

Prima di concludere la guida completa alle azioni Apple, vogliamo chiarire un ultimo punto, il quale risponde alla comune domanda: “acquistare azioni Apple conviene?”. Senza indugiare troppo, possiamo affermare che la scelta di investire in azioni AAPL può risultare conveniente, soprattutto da prospettive di lungo periodo.

Ci sono differenti ragioni che motivano la convenienza e l’appetibilità delle azioni Apple. In primis, la società gode di un brand iconico e facilmente riconoscibile da chiunque. Di conseguenza, ha raggiunto una stabilità ed una solidità tale da rassicurare sia investitori istituzionali che trader amatoriali. In breve, lo status di cui gode la Apple è lontano anni luce da quello ottenuto da gran parte dei propri competitors.

Allo stesso modo, rispetto a quanto si possa pensare, le azioni Apple possiedono ancora ampi margini di crescita per il futuro, soprattutto se consideriamo il periodico lancio di nuovi iPhone: un evento, tra l’altro, atteso da acquirenti ed appassionati del marchio in tutto il mondo. Considerando altre opportunità, numerosi esperti sottolineano che la società può ancora ampliare il proprio target di consumatori, attuando delle partnership atte ad incrementare ulteriormente la visibilità del marchio.

Parallelamente, la società potrebbe aumentare il proprio impegno verso le tematiche green, mostrando il proprio interesse per il cambiamento climatico e gli svariati disastri ambientali a cui stiamo assistendo. Anche questa, potrebbe essere una manovra strategica con la quale assicurarsi una reputazione ottimale da parte dei propri clienti e fidelizzare di nuovi. Con ciò, si evince che tra punti di forza ed opportunità future, il titolo Apple (APPL) può ancora offrire chance di profitto, mostrando un appeal finanziario sempre più evidente agli occhi degli analisti, ma anche degli azionisti.

Considerazioni Finali

La guida in questione ha preso in esame uno dei titoli più scambiati, popolari e discussi degli ultimi anni: le azioni Apple. Star dell’Indice statunitense NASDAQ, nonché azioni appartenenti al già citato gruppo FAANG, la società Apple è ancora tra le più imponenti che trainano l’intero settore tecnologico.

Dall’analisi condotta e con il supporto delle previsioni relative al prossimo biennio (2024/2024) è emerso che la scelta di comprare azioni Apple è ancora conveniente, soprattutto nel caso in cui adottassimo prospettive di investimento tese al lungo termine. Naturalmente, il quadro d’insieme comporta anche una componente di rischi da dover tenere a bada per evitare eventuali perdite eccessive sul capitale investito.

Uno degli espedienti più sicuri per ridurre le percentuali di rischio è l’analisi costante dell’andamento del mercato. Inoltre, ricordiamo che la scelta di broker come eToro (sito ufficiale qui), risulta è’ideale per acquistare azioni Apple – in modalità diretta o attraverso CFD- godendo di costi competitivi e di strumenti che sostengono l’attività anche di coloro che non hanno esperienza nel settore.

FAQ – Comprare azioni Apple: Domande e Risposte Frequenti

Come e dove comprare azioni Apple?

La soluzione più indicata per comprare azioni Apple, sia per investitori esperti che per utenti ancora alle prime armi, è fare trading online attraverso le migliori piattaforme di trading. Così facendo, si investirà traendo vantaggio da costi competitivi e funzioni che agevolano e semplificano l’analisi dei mercati.

Quali sono le previsioni azioni Apple?

In linea generale, le previsioni future sulle azioni Apple sembrano confermare una graduale ma evidente crescita del valore del titolo, soprattutto per il biennio 2023/2024: periodo durante il quale la società dovrebbe riuscire ad espandere le proprie vendite, incrementando ulteriormente il proprio fatturato e la redditività.

Conviene comprare azioni Apple?

Sul breve termine, gli analisti ritengono che comprare azioni Apple possa apparire come un’operazione finanziaria ancora ad alto rischio. Al contrario, può risultare conveniente sul medio/lungo periodo.

Lascia un commento