Come comprare Ethereum

Se il mondo guarda al Bitcoin come all’oro digitale, allora Ethereum merita di essere paragonato all’argento digitale: questo è il ruolo di rilievo che ha ETH nel mondo delle criptovalute.

Come e dove comprare Ethereum - Guida a cura di GiocareinBorsa.online
Come e dove comprare Ethereum – Guida a cura di GiocareinBorsa.online

Seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, Ethereum è la prima blockchain del suo tipo che ha reso possibile il passaggio delle cripto come riserva di valore non toccata dall’inflazione e moneta virtuale di scambio a strumento informatico in grado di creare applicazioni decentralizzate e contratti intelligenti.

Come comprare Ethereum – Caratteristiche base:

Cos’è Ethereum?La seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, prima piattaforma virtuale implementata per la creazione degli smart contract
 💵 Range di prezzoRange settimanale tra i 1050 USD e i 1250 USD; possibilità di investimento su Ethereum anche con pochissimi euro grazie ai CFD (prova gratuita qui)
💼 Tipologia di investimentoCriptovaluta; CFD
💰 Livello di rendimentoMedio / Alto
Livello di rischioMedio / Alto
👍Dove comprare:Migliori piattaforme Ethereum consigliate
Ethereum: tabella di riepilogo della criptovaluta

Ma ancor prima di inoltrarci sugli aspetti tecnici e sulla rivoluzione apportata nel mondo delle criptovalute dalla creazione del giovane genio Buterin, la domanda sorge spontanea: come comprare Ethereum?

Per rispondere a questa domanda, abbiamo deciso di mostrare diverse alternative e metodologie di acquisto e scambio per comprare Ethereum online senza il bisogno di essere esperti di criptovalute. 

Dove comprare Ethereum: migliori piattaforme consigliate

Comprare Ethereum senza rischi è possibile, l’aspetto importante però è scegliere la piattaforma per criptovalute con la giusta offerta e con servizi vantaggiosi. Tutti gli intermediari che proponiamo di seguito oltre ad essere 100% regolamentati hanno delle offerte di mercato interessanti e commissioni molto vantaggiose:

eToro

  1. Social & Copy Trading
  2. Staking crypto (ricompense)
  3. CopyPortfolios

Con eToro puoi copiare le operazioni dei trader professionisti, investire in portafogli gestiti ed ottenere ricompense automatiche.

Inizia ora

Capital.com

  1. Intelligenza Artificiale
  2. MT4 & TradingView
  3. Segnali Trading Central

Capital.com è il broker perfetto per lo "Smart Trading" e per fare trading in modalità automatica su 4.000+ mercati.

Inizia ora

FP Markets

  1. Social Trading
  2. AutoTrading
  3. Spreads 0.0

FP Markets è la piattaforma ideale per chi intende fare trading automatizzato, avere spreads bassi e fare trading con algoritmi.

Inizia ora

IQ Option

  1. Trade min. 1€
  2. Social Trading
  3. Tornei e Conto VIP

IQ Option è il broker ideale per chi vuole iniziare nel trading con piccole somme. Piattaforma veloce, intuitiva e stile "gaming".

Inizia ora

Trade.com

  1. Segnali Trading
  2. MetaTrader 4 / 5
  3. Corsi personalizzati

Trade.com offre piattaforme ideali per il trading algoritmico, offre segnali e corsi di formazione gartuiti.

Inizia ora

Migliori Broker online CFD per comprare Ethereum

Visto il range di prezzo in cui si aggira ETH in questo periodo, per entrare in possesso di 1 ETH dovrete spendere almeno 1.050 USD. Secondo il cambio dollaro americano-euro, stiamo parlando di poco più di 1000 euro. Eppure, questo non è l’unico metodo di comprare Ethereum e i prezzi possono essere molto più contenuti se si hanno i giusti mezzi a propria disposizione.

Fermo restando che esiste la possibilità di acquistare anche frazioni di criptovalute (finanche 0,1 ETH ad esempio), uno dei migliori metodi per comprare Ethereum è quello di affidarsi a un broker online CFD. Questi sistemi di brokeraggio online mettono infatti a disposizione dei propri clienti non solo la possibilità di investire su porzioni di criptovalute, ma anche di farlo attraverso i CFD.

Comprare Ethereum con i contratti per differenza
Comprare Ethereum con i contratti per differenza

CFD sta per “contratti per differenza”, degli strumenti finanziari derivati che danno la possibilità di investire in un mercato finanziario (in questo caso, in un mercato decentralizzato) senza possedere l’asset sottostante. Ciò significa che si potrà investire in Ethereum anche senza possederne 1 o una frazione di essa.

Per fare ciò, basterà scegliere un broker online regolamento in grado di fornire una piattaforma di trading online sicura e facile da usare. Per facilitare quindi i nostri lettori in questa scelta, abbiamo deciso di selezionare 3 top broker online CFD attualmente disponibili sul mercato.

eToro

Prima e più famosa probabilmente tra i broker online da noi selezionati è eToro (qui per la homepage), la creatura nata dalla mente dei fratelli Assia più di 15 anni fa e oggi conosciuta in tutto il mondo.

Il motivo di questa fama va ricercata soprattutto nel nuovo modo di intere gli investimenti online di questo broker, il quale si annovera tra i pionieri del cosiddetto Social Trading. Questo concetto riesce a fondere di fatto due mondi prima incompatibili, quello del trading e quello dei social network.

Proprio come sui social infatti avremo la possibilità di osservare e scegliere chi seguire e chi aggiungere al nostro network di contatti, con la differenza che tutti questi saranno degli investitori come noi. Ma non solo: tra di essi ci saranno anche i cosiddetti Top Investors, i migliori investitori della piattaforma, di cui potremo seguire le orme e persino gli investimenti.

A questo proposito entra in gioco quella che è probabilmente lo strumento più utile per i nuovi trader, il  “Copy Trading” (qui per testarlo gratis), una tipologia di trading automatico fondato sul copiare i passi dei migliori investitori di eToro. Attivando il Copy Trading si copieranno automaticamente tutte le posizioni aperte o chiuse nel portafoglio dell’investitore seguito, così da facilitare gli investimenti automatici anche per i neofiti.

Infine, eToro è anche un broker altamente regolamentato, poiché in possesso delle maggiori licenze elargite da regolatori finanziari del calibro tra gli altri di CySEC e CONSOB.

Leggi anche: eToro opinioni

Capital.com

Famoso ormai in tutto il mondo come uno dei principali fautori in campo di CFD, Capital.com (qui per la pagina principale) è oggi tra le migliori scelte per chi vuole cominciare a investire online.

Con migliaia di asset e mercati su cui investire, Capital.com offre più di una piattaforma di trading online con cui poter selezionare i nostri investimenti, dandoci anche la possibilità ovviamente di comprare Ethereum e altre criptovalute di massimo rilievo.  Nello specifico, la piattaforma che ha contribuito a rendere celebre questo broker è WebTrader (qui per provare demo gratuita), sviluppata e di proprietà proprio di Capital.com. Oltre alla loro famosa piattaforma di trading proprietaria però, questo broker dà anche la possibilità di usare la sempreverde piattaforma MetaTrader4.

Quest’ultima piattaforma ha oramai superato i dieci anni, ma continua ad essere usata grazie alle tante opzioni di investimento e strumenti di trading avanzato, tra cui i famosi bot chiamati Expert Advisor. Conosciuti anche come EA, questi bot sono in grado di essere settati e preparati al meglio per fare trading online automatico, oppure possono essere scaricati già impostati per iniziare a fare trading secondo certe strategie di trading ben precise.

Oltre a tutto ciò, ricordiamo poi che Capital.com è un broker con licenza CySEC e CONSOB, licenze utili quindi rispettivamente per l’Unione Europea e per l’Italia.

Leggi anche: Capital.com opinioni

FP Markets

Conosciuto in tutto il mondo come il broker preferito dagli esperti di trading, FP Markets (qui per iscriversi) è in realtà indicato anche per chi sta facendo i primi passi nel trading online.

La sua fama però è a dir poco dovuta ed è legata principalmente al fatto di avere diversi strumenti di investimento avanzati integrati nel loro conto principale, tra cui le piattaforme MetaTrader 4 e IRESS. Quest’ultima è ciò che la rende però famosa tra gli esperti, poiché permette di customizzare la propria esperienza di trader al meglio, rendendo così gli investimenti sui mercati finanziari più rapidi ed efficaci. Per chi è interessato poi a testare questi strumenti può anche provare la demo gratis (qui per farlo subito).

Infine, va ricordato come anche questa volta siamo di fronte a un broker online altamente regolamentato e in possesso di certificazione CySEC e CONSOB.

Leggi anche: FP Markets opinioni

Top 3 Piattaforme Exchange per comprare Ethereum

Le piattaforme exchange di criptovalute sono un tipo di piattaforma elettronica molto simile a quelle per fare trading online ma il cui asset principale trattato sono le cripto. Esse infatti vengono scambiate in questi mercati decentralizzati grazie a quello che viene definito in gergo un e-wallet: un portafoglio elettronico.

Ogni piattaforma exchange mette a disposizione dei propri clienti un e-wallet integrato che funge principalmente per scambiare e fare trading di cripto sul mercato (e quindi speculazione), ma non solo. Questi portafogli elettronici daranno infatti anche la possibilità ai criptoinvestitori di usufruire di altre funzioni unite al mondo cripto, come l’inviare e il ricevere criptomonete da e-wallet esterni o mettere in staking (una forma di accumulo di criptovaluta) quest’ultime.

Purtroppo però, queste criptovalute sono generalmente sprovviste di licenze rilasciate da regolatori finanziari poiché essi hanno ancora difficoltà a inquadrare completamente le criptovalute come asset. Non aspettatevi quindi licenze CySEC europee e simili per queste piattaforme, ma ci sono altri elementi che entrano in campo per giudicare se queste siano effettivamente affidabili o meno: tutti dati e numeri presi in considerazione prima di stilare questa lista.

Come comprare Ethereum con una piattaforma exchange
Come comprare Ethereum con una piattaforma exchange

Partendo da questi presupposti abbiamo quindi stilato la top 3 piattaforme exchange per comprare Ethereum oggi accessibili anche dal territorio italiano

Coinbase

Coinbase (qui per il sito ufficiale) è tra le prime, più diffuse e famose piattaforme exchange al mondo. Fondata più di dieci anni fa, oggi ha all’attivo oltre 12 milioni di utenti e un pool di cripto-asset su cui investire che va oltre le 170 criptovalute.

Così come le altre piattaforme di questo tipo, anche Coinbase include un e-wallet per utilizzare al meglio le criptovalute e i propri servizi, includendo la possibilità di ricevere e inviare cripto da e per e-wallet esterni. Infine, va anche ricordato come Coinbase sia una società ad azionariato diffuso i cui stock valgono oggi 49,75 USD per azione.

Binance

Binance (qui per la pagina principale) è sicuramente la più famosa tra questa tipologia di piattaforme in Italia, nonché la prima su scala internazionale per volume di scambi.

Fondata in Cina neanche dieci anni fa dal sino-canadese Changpeng Zhao (“CZ” sul suo account Twitter con più di 6,5 milioni di follower), ad oggi la società ha sede alle Isole Cayman ed è diffusa in tutto il mondo. A differenza però dalla stragrande maggioranza degli exchange, Binance è riuscito a fare passi da gigante sul piano regolatore, ottenendo il via libera alla registrazione all’OAM in Italia come società di Virtual Asset Service.

Binance è inoltre fondamentale nell’ecosistema delle criptovalute poiché a capo della Binance Smart Chain (BSC), una blockchain a cui sono legate due tra le principali cripto per capitalizzazione di mercato: BNB e BUSD.

Crypto.com

Crypto.com (qui per aprire la homepage) è un exchange di criptovalute fondato poco più di sei anni fa, ma arrivato già alle vette di questo mercato. Tale successo è ascrivibile principalmente a due cose: da una parte alla campagna pubblicitaria a dir poco strabiliante, dall’altra invece per la creazione di una propria cripto di successo.

Sul primo punto infatti molti ricorderanno la famosa pubblicità con protagonista l’attore americano Matt Daemon o la sponsorizzazione con la UFC. Sulla seconda invece va ricordato l’ecosistema Cronos e la sua cripto di riferimento, il CRO. A questo proposito ricordiamo che CRO oggi è quotato 0,112563 USD ed è al 23° posto come criptovaluta per capitalizzazione di mercato.

Siti per comprare Ethereum: confronto Exchange vs Broker

Arrivati a questo punto sarà chiaro a tutti come i principali metodi per poter comprare Ethereum siano principalmente legati a queste due tipologie di piattaforme, diverse ma anche simili tra loro. Per mettere in risalto cosa le accomuna e differenzia abbiamo quindi deciso di analizzare gli elementi caratteristici di due di queste due realtà prendendo ad esempio i maggiori esponenti di questi ultimi: eToro e Coinbase.

Caratteristiche principalieToroCoinbase
💲 Depositi/Prelievi EUR
Depositi/Prelievi CRYPTONecessita più passaggiPossibile da e-wallet a e-wallet
📈 Trading via CFDNo
🤝 Trading via DMA
⚖️ Regolamentazione CySECNo
Confronto Exchange vs Broker per comprare Ethereum

Così come già evidente dalla tabella di cui sopra, le similitudini non sono poche, ma le differenze sono comunque importanti. Quella che incide di più in questo confronto è sicuramente la mancanza di CFD su Coinbase, cosa non da poco se confrontato con eToro, piattaforma di Social Trading che rende accessibile ai suoi clienti migliaia di CFD in diversi mercati, compreso ETH ed altre criptovalute.

Per chi invece ha intenzione di possedere “materialmente” (o meglio, virtualmente…) un asset come Ethereum, una piattaforma exchange come Coinbase è decisamente più indicato per un acquisto diretto (DMA).  Ciò è dovuto al fatto che esso è comprensivo di un e-wallet in cui depositare, inviare e scambiare criptovalute anche da e-wallet a e-wallet, senza il bisogno di più passaggi se non quello di conoscere le chiavi pubbliche dei portafogli elettronici interessati.

Riguardo i costi che implica l’utilizzo di questi servizi, essi vanno ascritti soprattutto al costo del deposito minimo previsto, il quale ammonta a:

  • 1,99 € per Coinbase;
  • 50,00 € per eToro.

Nonostante il primo sembra avere la meglio riguardo all’utilizzo semi-gratuito della piattaforma, c’è da dire che se si investono neanche 2 euro, siamo di fronte a una sorta di demo pagata pochi spiccioli. Per eToro invece, nonostante il deposito minimo sia decisamente più elevato, è possibile comunque provare i servizi della piattaforma in forma completamente gratuita con una demo (qui per la registrazione gratuita).

In ultima istanza va ricordato quello che è il più grande punto di forza probabilmente da parte delle piattaforme di trading online una volta confrontati alle piattaforme di exchange: la regolamentazione. I regolatori finanziari internazionali e soprattutto quelli europei tendono a non vedere di buon occhio le criptovalute, non concedendo quindi agli exchange di cripto le loro certificazioni. Al contrario, per i migliori broker regolamentati, vediamo all’attivo licenze del calibro di CySEC con eToro, utili non solo per l’Italia, ma per l’intero territorio dell’UE.

Come comprare Ethereum: principali metodi

Oggi Ethereum è uno degli asset criptovalutari più ambiti nel mondo delle cripto, eppure c’è ancora una certa resistenza da parte dei neofiti degli investimenti virtuali ad avvicinarsi alle criptovalute. Ciò è dovuto da una parte a una certa diffidenza di chi non conosce abbastanza questo mercato, dall’altra a una certa ignoranza di fondo sul come investire i propri capitali nel pratico.

Di fatto, regge la falsa credenza che ci sia bisogno di essere esperti informatici o di economia per comprare Ethereum o, più in generale, le criptovalute, ma in realtà non è affatto così. L’importante sarà invece utilizzare uno dei due principali metodi per comprare Ethereum, i quali implicano:

  1. Comprare Ethereum con i CFD: conosciuti nel mondo della finanza come Contract for Differences (in italiano: contratti per differenza), sono uno strumento finanziario derivato utilizzato dai broker online e le piattaforme di trading da essi forniti. Utilizzando i CFD si potrà investire in Ethereum senza avere bisogno di possederne neanche una frazione poiché questi contratti derivati prevedono la possibilità di guadagnare sulla volatilità del prezzo senza possedere l’asset sottostante;
  2. Comprare Ethereum con acquisto diretto: questo tipo di acquisto è maggiormente diffuso sulle piattaforme exchange e prevede di comprare Ethereum direttamente dal mercato così da depositarli automaticamente nei propri e-wallet, anch’essi forniti dalla piattaforma.

Per poter investire i propri capitali però ci sarà bisogno di usare uno dei diversi metodi di deposito e ritiro di denaro tramite i servizi offerti dalle piattaforme di cui sopra. A questo proposito ricordiamo che sarà possibile comprare Ethereum nelle seguenti modalità:

  • Comprare Ethereum con carta di credito/debito: entrambe le tipologie offrono questo tipo di acquisto, il quale ha il vantaggio di essere immediato ma che prevede in genere costi di commissioni più alti (solitamente il 5% di quanto versato);
  • Comprare Ethereum con bonifico bancario: i bonifici bancari sono il metodo più economico per poter acquistare tramite queste piattaforme poiché non prevedono solitamente commissioni, ma sono più lenti rispetto agli altri tipi di acquisti (tempistiche intorno ai 1-3 giorni lavorativi );
  • Comprare Ethereum con Paypal: oggi non è ancora possibile comprare Ethereum in Italia con PayPal, ma alcuni servizi di brokeraggio finanziario internazionale permettono depositi via PayPal.

Comprare Ethereum $ETH: caratteristiche da conoscere per l’acquisto

Il mondo delle cripto può avere dei potenziali speculativi sul piano degli investimenti finanziari veramente importanti, ma la domanda sorge spontanea: su quale criptovaluta investire tra le migliaia sul mercato? E perché comprare Ethereum conviene di più delle altre?

Tanto per cominciare, è importante ricordare che siamo di fronte alla seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato, seconda quindi solo al Bitcoin. Parliamo di un progetto solido e ben diverso da qualsiasi criptovaluta emergente. Dietro il successo di questa criptovaluta rivoluzionaria non c’è solo la volontà di guadagnare e avere un’alternativa a Bitcoin, quanto piuttosto siamo di fronte a una piattaforma virtuale che è riuscita a creare un ecosistema cripto prima inimmaginabile.

Ethereum nasce appena nel 2014 dalla mente del giovane Vitalik Buterin, un ragazzo russo-canadese classe ’94 e appassionato di criptovalute sin dall’adolescenza e che, una volta finite le scuole superiori, si è dedicato anima e corpo al progetto rivoluzionando il mondo dell’informatica e delle cripto. Il primo passo a lui ascrivibile è stato il rilascio del white paper di Ethereum nel 2014.

Vitalik Buterin, la principale mente dietro la creazione di Ethereum
Vitalik Buterin, la principale mente dietro la creazione di Ethereum

Ethereum è una blockchain basata per ora sul PoW (Proof-of-Work), un sistema per minare (quindi creare) nuove criptovalute uguale a quello di BTC che oggi si dirige verso un protocollo di consenso di tipo PoS (Proof-of-Stake) dove invece si potranno accumulare cripto per ricevere nuovi ETH. Intanto, ETH rimane la seconda criptovaluta per importanza al mondo anche grazie ai suoi casi d’uso che lo rendono estremamente utile in più di un campo, tra questi:

  • Riserva di valore: così come BTC anche ETH è una criptovaluta immune all’inflazione che può essere inviata velocemente da un e-wallet ad e-wallet ed essere utilizzata come riserva di valore alternativa;
  • Smart Contract: conosciuti in Italia anche come “contratti intelligenti”, essi sono dei protocolli automatici che si attivano una volta che tra due parti vengono soddisfatti dei prerequisiti scritti nel codice della blockchain, senza l’intervento quindi di una terza parte. Grazie a questi protocolli informatici è stato possibile creare anche le cosiddette DApp, le app decentralizzate;
  • Applicazioni in campo NFT: acronimo stante per “Non-fungible Token”, sono un tipo di token non riproducibile e quindi unico. Se quindi possono esistere anche milioni di ETH poiché uguali tra loro, di NFT ne può esistere solo uno perché unico e non riproducibile. Questo serve a creare scarsità ed è stato applicato nel mondo dell’arte virtuale, del cryptogaming e tanto altro, generando un enorme flusso di movimenti sulla smartchain di Ehtereum.

Interessante poi notare come l’aumento di scambi avvenuto su Ethereum si sia spostata man mano nel tempo verso NFT, modificandone il mercato e trovando un nuovo caso d’uso prima ignorato per anni. Ciò significa che in futuro potrebbero nascere nuovi casi d’uso che aumenterebbero i movimenti (e quindi il valore) di ETH.

A questo proposito vale la pena ricordare che nella roadmap di Ethereum figura l’arrivo a breve del cosiddetto Merge, cioè il passaggio dal consenso PoW a PoS, passando quindi da ETH 1.0 a ETH 2.0. La data, secondo le ultime indiscrezioni, è vicina e il Merge avverrà questa estate. Dopodiché, il passaggio successivo sarà lo Sharding, una nuova struttura per la blockchain di ETH che dovrebbe aiutarla a scalare questa tecnologia e a renderla ancora più efficiente. Su quest’ultima evoluzione però non ci sono molte notizie e secondo alcune stime non potrà arriverà prima che passino almeno tre anni.

Commissioni per comprare Ethereum

Per investire sulle criptovalute e comprare Ethereum non ci sarà bisogno di avere a disposizione grandi capitali, nonostante il fatto che oggi 1 ETH sia oggi quotato al di sopra dei mille dollari. Questo perché con i CFD sarà possibile investire senza possedere l’asset sottostante, ma piuttosto “scommettendo” sull’andamento di prezzo di quest’ultimo sui mercati. Di conseguenza, avremo la possibilità non solo di guadagnare in caso di rialzo di ETH, ma anche su un suo ribasso se investiamo in anticipo con una posizione “short”.

Per fare ciò, dovremmo però stare attenti ai costi di commissione che questi scambi finanziari potrebbero comportare. Fortunatamente, i migliori broker online oggi sul mercato hanno deciso all’unisono di adottare una posizione di zero commissioni di trading, così da spronare i futuri clienti a diventare trader utilizzando le piattaforme incluse nell’apertura del conto.

Altre commissioni a cui fare attenzione sono infine quelle relative ai depositi, al ritiro di liquidità dalla piattaforma e all’apertura di un conto. Se si è intenzionati ad aprire un conto è possibile farlo con FP Markets gratuitamente iscrivendoti qui.

Affidabilità piattaforma di acquisto Ethereum

Le criptovalute sono un asset decentralizzato molto sicuro in termini di sicurezza informatica, inattaccabili da parte degli hacker, ma la stessa sicurezza non può essere ascritta alle piattaforme ad esse collegate.

Quando si decide di affidare i propri soldi a una piattaforma di trading online vanno controllate tutte le garanzie relative ad eventuali furti di liquidità, fughe di capitali o attacchi al proprio account. I migliori broker online coprono infatti queste possibili (anche se improbabili) perdite con diverse assicurazioni o usando conti separati dai propri, così anche in caso di bancarotta i liquidatori non possono prelevare liquidità dai conti degli utenti.

Questa è solo una delle tante precauzioni che servono a un broker online per divenire regolamentato e ottenere una licenza da parte di un regolatore finanziario come l’europea-cipriota CySEC o la CONSOB. Investire invece con un broker sprovvisto di regolamentazione finanziaria non prevede assicurare date garanzie verso i propri clienti e porterà con molta probabilità verso una truffa e perdite di denaro.

Tutt’altra storia invece la situazione delle piattaforme exchange poiché esse non sono state messe in grado da parte dei regolatori finanziari di ottenere una licenza. Ciò è dovuto principalmente dal rifiuto, o comunque dall’ambiguità che questi hanno nel riconoscere le criptovalute come una tipologia di asset regolamentare. Una delle poche eccezioni da tenere sott’occhio è stata data però da Binance, la quale ha iniziato un piano regolatorio in Italia con l’accesso ai registri dell’OAM.

Di conseguenza, per assicurarsi di essere di fronte a una piattaforma sicura ed affidabile, la cosa migliore è quella di ricercare feedback tra la comunità di criptoinvestitori o ricercando pareri da parte di testate giornalistiche ed esperti del settore.

Prezzo attuale dell’asset $ETH

In questa fase di instabilità geopolitiche, incertezza dei mercati e volatilità di Bitcoin (motore trainante dell’intero settore cripto) che si aggira oggi intorno ai 20.000 USD , Ethereum segue a ruota BTC. Ciò si è tradotto in un prezzo attuale dell’asset stabilitosi intorno ai 1.050 USD, lontani quindi dai fasti dell’ultima bull run.

Se si guarda infatti al suo ATH di 4.878,26 USD (il suo prezzo più alto mai toccato), oggi Ethereum vale ¼ di quanto valeva allora. Queste vette sono state però raggiunte nel novembre del 2021, quindi neanche 1 anno fa, e se si crede che ETH sia un buon progetto e che possa ritornare su quel range, ciò si tradurrebbe in un quadruplicare l’investimento fatto durante questo periodo di ribassi

Tipologia di investimento che si intende fare (breve termine – lungo termine)

Prima ancora di iniziare con un investimento c’è bisogno di fare un passo indietro, fermarsi e pianificare.  Per farlo, ci sarà bisogno di porsi domande fondamentali come:

  • Quanto si vuole investire?
  • Quanto si può investire?
  • Quanto tempo deve durare l’investimento?

Di fatto, una volta risposto a queste domande fondamentali si potrà avanzare e selezionare il tipo di investimento adeguati alle esigenze dell’interessato. Il ciò si traduce nel pratico in due tipi di investimento: quelli a breve termine e quelli a lungo termine.

Gli investimenti a breve termine sono tutti quegli investimenti capaci di generare un ritorno economico in un lasso di tempo relativamente breve e che non può andare oltre i due anni. Ciononostante, esistono forme di investimento a breve termine che riescono a generare introiti (a patto che vadano a buon fine) in pochissimo tempo, con scambi finanziari eseguiti anche sul frangente di giorni o addirittura ore.

Investimenti a lungo termine contro investimenti a breve termine: quali scegliere?
Investimenti a lungo termine contro investimenti a breve termine: quali scegliere?

Per quanto riguarda invece gli investimenti a lungo termine i tempi possono allungarsi anche per più di due anni. Se guardiamo però al mondo dei criptoinvestimenti, scopriremo che nella comunità internazionale degli appassionati e degli esperti di questo settore si guarda al 2025 come l’anno d’oro per questo asset. Ciò è dovuto alla convinzione che a cominciare da questa annata inizierà la vera e propria adozione di massa delle cripto e la loro accettazione come alternativa alle valute nazionali.

Se si pondera però l’idea di un investimento a lungo termine su Ethereum, vanno presi in considerazione soprattutto gli effetti che il Merge avrà su questa criptovaluta e il passaggio dalla PoW alla PoS. Una volta che Ethereum muterà il suo sistema di consenso, per generare nuove criptovalute si dovranno mettere in staking le proprie cripto, così da rendere ancora più allettante l’accumulo di ETH.

Valutazione di quanto puoi permetterti di investire

Così come bisogna stabilire quale tipologia di investimento si vuole intraprendere e per quanto tempo esso va portato avanti, è altresì importante valutare quanto ci si può permettere di investire. Chi è in questo campo di investimenti ha di solito una regola aurea su cui basa i propri investimenti: investire solo quanto si è disposti a perdere.

Questo non significa che si deve partire con una mentalità perdente, anzi, questa è una mentalità sicuramente vincente e ci mette in una posizione di poter ricominciare subito e senza subire eccessivamente il colpo in caso in cui il nostro investimento non vada a buon fine. Ciò va sicuramente preso in considerazione perché non esistono investimenti sicuri al 100% e non bisogna mettere a repentaglio i propri risparmi neanche quando si è certi della buona riuscita dell’investimento.

Altresì vero però è che si possono attuare diverse strategie di trading, soprattutto durante questo periodo di alta volatilità del mercato criptovalutario, e lo si può fare investendo anche capitali ridotti. Quello che basterà fare sarà iscriversi a una piattaforma per il trading online che ci metta in grado di utilizzare i CFD, un tipo di strumenti finanziari derivati che permettono al trader di investire senza possedere l’asset sottostante. I

l fatto di non dover possedere ETH per speculare sul suo andamento sui mercati, si traduce in costi a dir poco ridotti e alla portata di tutti, al patto che essi vengono supportati da una buona strategia. Ad esempio quello di posizionare i propri ordini di vendita e di acquisto in prossimità del supporto e della resistenza del prezzo di ETH è ottima se si utilizzano sistemi di trading automatico come quelli offerti da FP Markets (qui per aprire un conto gratis).

Comprare Ethereum è rischioso? Come evitare truffe e perdite di denaro

Comprare Ethereum è sicuramente diventato più facile grazie ai tanti metodi di acquisti oggi disponibili. Ma è rischioso?

Non sono pochi quelli che si chiedono giustamente come evitare truffe, scomparse di capitali e quant’altro. Ovviamente, nessun investimento è privo di rischio, ma ciò non significa che dobbiamo affidarci a mediatori finanziari che mettano a repentaglio i nostri soldi. Anzi: quella dovrebbe essere la nostra unica garanzia.

Eppure, ancora oggi non mancano notizie su truffe online o broker che chiudono i propri siti dalla sera alla mattina. Ciò però va per lo più collegato alle attività illecite di broker non regolamentati, quindi sprovvisti di licenze o certificazioni da parte di regolatori finanziari che li mettano in grado di dimostrare la propria legittimità come provider di servizi finanzIari. Regolatori del calibro di CySEC, FCA e CONSOB vigilano costantemente sulle piattaforme di trading online e non elargiscono le proprie licenze a tutti.

Per quel che riguarda le piattaforme exchange invece, esse non hanno queste tipo di licenze non per mancanza di serietà o sicurezza (o almeno, non sempre), piuttosto ciò è dovuto al fatto che i regolatori finanziari non hanno ancora regolamentato i mercati decentralizzati delle cripto.

Quando comprare Ethereum? Analisi Market Movers e parametri fondamentali

La prima cosa da fare una volta iniziato un investimento è tenere sotto controllo tutti quei fattori capaci di metterne in positivo o in negativo l’andamento sui mercati. L’insieme di questi processi vengono definiti Market Movers e, nonostante la natura decentralizzata del mercato delle criptovalute, sono presenti anche in Ethereum.

Tra le primissime cose da monitorare quando si compra Ethereum è l’andamento del Bitcoin. Il principale Market Movers per l’intero mercato cripto è infatti la volatilità della prima in assoluto nonché principale criptovaluta per capitalizzazione e il salire o scendere del suo prezzo influisce su tutte le cosiddette altcoin (le criptovalute alternative a BTC).

Tra i principali Market Movers di Ethereum c'è Bitcoin, la prima criptovaluta al mondo
Tra i principali Market Movers di Ethereum c’è Bitcoin, la prima criptovaluta al mondo

Come già detto però, tenere sotto controllo Bitcoin quando si investe in criptovalute è in realtà una regola aurea non solo per eth ma per tutte le monete virtuali. Nella fattispecie di Ethereum dobbiamo considerare anche altri fattori. Ad esempio, molti criptoinvestitori si affidano a Twitter per gli aggiornamenti provenienti dalle figure più influenti nel mondo cripto, quindi va da sé che seguire gli aggiornamenti di Vitalik Buterin sul suo profilo è praticamente d’obbligo.

Inoltre, ci sono molte speranze (ma anche apprensione) sul passaggio da ETH 1.0 a ETH 2.0 e del cosiddetto “Merge”, il passaggio da un sistema di consenso PoW (Proof-of-Work) a PoS (Proof-of-Staking). Questa rivoluzione in seno al protocollo di Ethereum avrà infatti sicuramente un peso sul prezzo di mercato di ETH e pare si concretizzerà entro quest’estate.

Anche la copertura dei media può risultare poi molto incisiva sul prezzo di Ethereum e degli asset criptovalutari più in generale a seconda del tipo di notizia condivisa dai media mainstream. Spesso però, complice la cattiva fama delle criptovalute e alla volontà di fare scalpore da parte di giornalisti e affini, queste notizie sono solitamente negative e influenzano negativamente i prezzi degli asset interessati.

Sempre a questo proposito, le notizie provenienti dalla FED americana (ma anche dai regolatori finanziari internazionali) risultano importantissime nel mondo criptovalutario poiché una stretta o una liberalizzazione di questi asset può incidere sia in positivo che in negativo sui mercati.

Alternative all’acquisto di Ethereum: top 3 crypto da non perdere

Se ETH è la principale altcoin su cui investire oggi, ciò non significa che ci si debba limitare a questa opzione. Esistono infatti migliaia di criptovalute su cui è possibile investire, alcune di queste particolarmente allettanti dal punto di vista degli investimenti finanziari, altre un po’ meno. Ma come sceglierle?

Per aiutare i nostri lettori abbiamo quindi deciso di stilare una top 3 delle migliori criptovalute da non perdere alternative ad Ethereum.

🔝 TOP 3 Crypto💡 Perché investirci?💰 Capitalizzazione di mercato👍Dove comprare
Bitcoin (BTC)Prima criptovaluta mai creata; prima criptovaluta per capitalizzazione di mercato; motore trainante dell’intero mercato criptovalutario370,058 MrdeToro
BNB (BNB)Quinta criptovaluta per capitalizzazione di mercato; alimenta la piattaforma di contratti intelligenti creata da Binance; migliaia di DApp disponibili35,389 MrdCoinbase
Cardano (ADA)  Settima criptovaluta per capitalizzazione di mercato; nata come “Ethereum Killer”; nata già con sistema di consenso PoS15,164 MrdBinance
Alternative all’acquisto di Ethereum

Bitcoin (BTC)

Nata grazie a un’idea di un (o più…) geniale inventore che si cela dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamato, questa criptovaluta è la prima ad essere stata mai creata. Se questo non bastasse a convincere i nuovi criptoinvestitori a versare una parte dei propri capitali sulla principale cripto oggi in circolazione, va ricordato inoltre che il prezzo di BTC è di fatto il motore trainante dell’intero mercato.

È cosa risaputa oramai nel mondo dei cripto-investimenti che è il prezzo di BTC ad influenzare direttamente l’intero ecosistema cripto, il che significa che se BTC va su, il prezzo di tutte le cripto sale, ma se comincia a scendere, esso è capace di provocare un vero e proprio periodo ribassista.

Questo è il caso, ad esempio, in cui ci troviamo ora, con un periodo ribassista provocato dal range di prezzo di BTC assestatosi oramai intorno ai 20.000 USD e un supporto calcolato sui 19.000 USD che, se sfondata, potrebbe far crollare l’intero mercato. Al contempo però, se BTC fosse in grado di superare la resistenza stabilita intorno ai 22.500 USD, la possibilità di un nuovo bull market per l’intero mercato è quasi una certezza.

BNB (BNB)

Questa criptovaluta nasce grazie allo sforzo della piattaforma exchange Binance (qui per visitare l’homepage) e la passione del suo CEO e fondatore, il famoso “CZ” per creare una nuova smartchain. Quest’ultima è la Binance Smart Chain (BSC), una blockchain prima basata su quella di Ethereum ma ora migliorata e differente, veloce, e capace di processare un volume di transazioni molto più elevato se confrontato al suo competitor principale.

Il gas di BSC è il BNB, quella che oggi è la quinta criptovaluta per capitalizzazione di mercato, una criptovaluta il cui volume di transazioni e movimenti è legato principalmente al destino della piattaforma Binance e alle DApp sviluppate su di esse. Inoltre, segnaliamo un nuovo mercato di NFT presenti sullo stesso sito di Binance con diverse opere in formato NFT che girano proprio su questa smartchain e che possono essere pagate sia in BNB che in BUSD (la stablecoin di Binance).

Cardano (ADA)

Pensata e creata da uno dei co-fondatori di Ethereum, Charles Hoskinson, questa criptovaluta nasce con l’esplicito proposito di essere la “Ethereum Killer”, nonché una criptovaluta di terza generazione.

Questo compito non da poco viene portato avanti con una tecnologia all’avanguardia nel mondo cripto, dove vediamo ADA nascere con un sistema di consenso PoS, bypassando completamente la fase PoW. Ciò ha reso questa criptovaluta estremamente veloce e scalabile, ma l’ha resa anche particolarmente adatta agli investimenti a lungo termine grazie all’allettante sistema di staking.

Previsioni Ethereum: scenari futuri e consigli

Gli scenari futuri e le previsioni riguardanti Ethereum sono principalmente legati a una parola: il Merge. Esso, infatti, prevederà il passaggio dall’attuale stadio di Ethereum ad Ethereum 2.0.

L’evoluzione della seconda criptovaluta più importante in assoluto dopo Bitcoin prevede infatti il passaggio di Ethereum da un sistema di consenso di tipo PoW (Proof-of-Work) a uno di tipo PoS (Proof-of-Stake). Il primo ed attuale sistema è infatti basato sullo stesso sistema con cui vengono minati i blocchi di Bitcoin e prevede l’utilizzo di risorse notevoli a causa dell’elevatissima potenza di calcolo richiesta dalla blockchain e a dispendi energetici altrettanto elevati. Il secondo invece è un sistema che prevede un processo chiamato Staking, quindi l’accumulo di criptovaluta e il deposito di esse in pool dedicate che premiano i possessori di ETH con nuove criptovalute.

Secondo alcune indiscrezioni provenienti da persone coinvolte attivamente nello sviluppo di Ethereum 2.0 (compreso lo sesso Buterin), il Merge avverrà entro la fine dell’estate. In caso di una fase rialzista dovuta all’accumulo di ETH e alla buona riuscita del Merge, se Ethereum dovesse tornare ai suoi fasti potrebbe arrivare a quadruplicare il suo valore attuale se prendiamo come esempio l’ATH raggiunto l’anno scorso. 

Infine, non dimentichiamo che Ethereum non si fermerà al Merge, ma ha in programma anche una nuova evoluzione basata sul sistema di Sharding. Quest’ultima evoluzione, prevista tra qualche anno (si parla di almeno 3 anni prima che sia fattibile) è un processo comune in informatica che prevede la suddivisione orizzontale di ripartizione del carico di un database.

Nel caso di Ethereum invece, esso aiuterà a ridurne la congestione a cui va cronicamente incontro la rete, aumentandone il numero di transazioni al secondo possibili tramite la creazione di nuovi blocchi di catena detti “shard” (schegge).

Analisi tecnica per comprare Ethereum

Per avere successo in questo mondo, così come in tutto ciò che concerne gli investimenti finanziari, la prima cosa da fare sarà quella di prendere mano con l’analisi tecnica. Questo tipo di analisi finanziaria prettamente dedicata allo studio di tutta una serie di indicatori economici e che mette al centro il prezzo dell’asset di riferimento e il suo andamento è infatti il metodo principale utilizzato dai trader online.

Attuale canale di prezzo di Ethereum: analisi tecnica di ETH
Attuale canale di prezzo di Ethereum: analisi tecnica di ETH

Nella fattispecie di Ethereum, possiamo notare che esso si trova in un range di prezzo che si aggira su quota 1.050 USD. A ciò si è arrivati dopo una serie di candelotti rossi (8 per l’esattezza) che ne hanno provocato il crollo di prezzo mentre ETH si era assestata intorno a un range che andava dai 3.000 ai 3.4000 USD tra marzo ed aprile 2022. Dopo questa serie di candelotti rossi abbiamo inoltre assistito a un fakeout nell’ultima settimana di maggio, in cui sembrava che il prezzo avrebbe retto intorno ai 2.000 USD, per poi invece crollare inesorabilmente.

Oggi il nuovo supporto si trova a 1.000 USD: se ETH non riuscirà a mantenersi al di sopra di questo prezzo, dobbiamo aspettarci nuove cadute di prezzo e un nuovo periodo di ribassi. Al contrario invece, se ETH riuscirà a superare la resistenza calcolata intorno ai 1.500 USD, ciò potrebbe dare via a un nuovo periodo rialzista e al ritorno quantomeno al prezzo di 3.000 USD, cioè quello anteriore alla serie di candelotti rossi a cui abbiamo assistito. Se si investisse ora e questo scenario rialzista si concretizzasse, il tutto si tradurrebbe in un triplicare dell’investimento attuale.

Previsioni Ethereum 2023/24

La prima cosa da tenere sotto controllo per il prossimo biennio per Ethereum è sicuramente il Merge e i suoi sicuri effetti sul prezzo di mercato di ETH. Ad oggi, ci sono un sacco di speranze sul cosiddetto Ethereum 2.0 ma anche diverse preoccupazioni, quindi il prezzo a cui va incontro Ethereum è direttamente collegato alla riuscita o meno del Merge.

Nel caso di una effettiva riuscita del Merge e di un conseguente periodo rialzista provocato dall’andata in porto di ETH 2.0 senza problemi, il prezzo di ETH potrebbe sorpassare il suo ATH e raggiungere i 5.000 USD. In caso contrario, se ci fossero problemi col Merge, sarebbe un disastro per Ethereum e il suo prezzo attuale potrebbe addirittura dimezzarsi.

Oltre a ciò, non dimentichiamo che BTC ha una forte influenza sul mercato delle criptovalute, e senza un rialzo di quest’ultimo prima, difficilmente rivedremo i fasti dei mesi passati. In questo caso, la prima cosa da tenere sotto controllo per Bitcoin è sicuramente l’andamento dell’indice NASDAQ. È infatti oramai risaputo che, nonostante la completa decentralizzazione di BTC, esso subisce la diretta influenza del mercato tecnologico e della sua borsa di riferimento.

Comprare Ethereum Opinioni e Recensioni: cosa ne pensano utenti ed esperti

Oggi siamo in una fase di bear market, quindi un periodo ribassista prolungato provocato principalmente dalla caduta di prezzo di BTC, dalle instabilità geopolitiche contemporanee e dal generale ribasso dei mercati (soprattutto quelli tecnologici come il NASDAQ). Ciononostante, secondo gli esperti questo non è necessariamente una cosa negativa.

La caduta di prezzo di diversi assset criptovalutari, ETH compreso, ha dato la possibilità ai vecchi investitori ancora convinti nell’utilità delle cripto e della piattaforma di Ethereum di accumulare nuove cripto, mentre ai nuovi investitori di avere un ottimo prezzo di entrata per investimenti a lungo termine. Secondo gli esperti accumulare ETH ora sarebbe poi particolarmente indicato poiché il Merge è alle porte, e una volta passati dalla PoW alla PoS, chi avrà modo di mettere in staking più ETH verrà ricompensato con nuove criptomonete prima degli altri.

Anche per chi ha intenzione di fare trading con investimenti sul breve termine però non rimarrà deluso: ad oggi, l’alta volatilità di prezzo di ETH è un’ottima occasione per chi ha intenzione di usare i CFD e scommettere sul rialzo o il ribasso del prezzo sul breve periodo.

Considerazioni Finali

Se prima qualcuno aveva qualche dubbio sul perché Ethereum fosse la seconda criptovaluta per importanza e per capitalizazzione di mercato, arrivati a questo punto i dubbi dovrebbero essere spariti. Grazie alla piattaforma virtuale di Ethereum il mercato delle criptovalute è cambiato per sempre e la sua smartchain viene utilizzata per i motivi più svariati che vanno dalla mera speculazione finanziaria, alla creazione di applicazioni decentralizzati fino ad arrivare all’arte in formato NFT.

Per nostra fortuna, oggi fare parte dell’universo Ethereum è facile e non abbisogna di particolari doti da informatico o da chissà quali nozioni da trader professionista. Di fatto, ciò di cui avremo bisogno sarà trovare una piattaforma exchange o una piattaforma di trading online e il gioco è fatto.

A breve comprare Ethereum significherà comprare Ethereum 2.0
A breve comprare Ethereum significherà comprare Ethereum 2.0

Riguardo l’asset in sé per sé, va sottolineato come i traguardi di Ethereum potrebbero essere superati a breve, poiché il Merge (il passaggio dal minare ETH allo staking, quindi all’accumulo di criptomoneta per produrne altre) è alle porte. Ed è proprio lì che si gioca la partita finale: la riuscita o meno di quello che sarà ETH 2.0 potrebbe aprire scenari prima inaspettati e far partire un nuovo periodo rialzista per ETH.

Se ciò avvenisse e col tempo si raggiungesse e superasse l’ATH di ETH, il quale è stato raggiunto appena 8 mesi fa con i suoi 4,878,26 USD, il tutto si tradurrebbe con un quintuplicarsi dell’investimento fatto oggi.

FAQ Comprare Ethereum – Domande e risposte Frequenti

Come posso acquistare Ethereum?

Comprare Ethereum è facile: basta aprire un conto con un broker online come eToro (qui per farlo gratis) o una piattaforma exchange di criptovalute

Cos’è Ethereum?

Ethereum è una smartchain creata da un giovane genio chiamato Vitalik Buterin su cui è possibile non solo scambiarsi ETH (la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato), ma anche creare DApp ed NFT.

Perché la gente compra Ethereum?

Perché è convinta che la sua tecnologia sia il futuro delle criptovalute e crede nella scalabilità sul lungo andare del progetto, a cominciare dal Merge in arrivo questa estate e il passaggio da un sistema di consenso di tipo PoW a PoS

Qual è stato il prezzo più basso di Ethereum?

L’ATL (All Time Low) di Ethereum è stato di 0,432979 USD e risale al 20 ottobre 2015, quindi più di 8 anni fa.

Qual è stato il prezzo più alto di Ethereum?

L’ATH (All Time High) di Ethereum è stato di 4.878,26 USD e risale al 10 novembre 2021, quindi poco più di 8 mesi fa.

Lascia un commento