CFD: Cosa sono? Guida facile

Capire cosa sono i CFD (Contratti per Differenza) e riuscire a coglierne sia i rischi che i vantaggi significa offrirsi una chance concreta per investire secondo una delle modalità più avanzate di sempre, ovvero il trading online.

Ecco le caratteristiche più importanti che sintetizzano i vantaggi dei CFD: trasparenza, costi competitivi e versatilità. Sebbene abbiano una componente di rischio da non prendere alla leggera, scopriremo che i Contratti per Differenza comportano una serie di benefici di cui approfittare sia in veste di trader esperti che di neofiti.

A seguito di questa breve introduzione, è ben chiara l’importanza di conoscere cosa sono i CFD e come funzionano se il nostro intento è quello di approfittare di qualsiasi occasione d’investimento salti fuori dai principali mercati internazionali. Nel mentre, potrebbe risultare utile conoscere quali sono le piattaforme migliori per investire mediante CFD:

🥇Piattaforma💥Leva Finanziaria🚩Short selling💷Costi CFD trading📌Conto Demo Gratuito 
eToroSì- x5 max per azioniSpread / Commissioni OvernightSì- testalo qui
Capital.comSì- max 1:30Spread / Commissioni OvernightSì- testalo qui
FP MarketsSì- max 30:1Spread / Commissioni OvernightSì- testalo qui
IQ OptionSì- max 1:30Spread / Commissioni OvernightSì- testalo qui
Trade.comSì- max 1:30Spread / Commissioni OvernightSì- testalo qui
CFD: Introduzione alle migliori piattaforme di trading

Strumenti finanziari come i CFD hanno trovato un’ampia risonanza nel corso di questi anni, soprattutto per la flessibilità e la capacità di adattarsi ad operazioni rivolte a differenti asset/mercati. Infatti, anticipiamo che i Contratti per Differenza offrono l’occasione di speculare su un asset finanziario, piuttosto che acquistarlo ed inserirlo direttamente nel nostro wallet. 

CFD – Introduzione:

❓Cosa sono:Strumenti Finanziari Derivati per investire online
💡Sono legali:Sì; regolamentati da appositi enti di controllo
💰Costi e commissioni:Variabili (Spread / Commissioni Overnight)
💰Profitti possibili:Medio/Alti
🔴Rischi:Medio/Bassi – Medio/Alti
👌Migliori PiattaformeElenco Piattaforme consigliate per CFD trading
🤔Conviene:Sì- attenzione alle truffe
CFD- Corso da Zero sui Contratti per Indifferenza: Tabella Introduttiva

CFD: Cosa sono? Una definizione generale

L’acronimo CFD indica degli strumenti finanziari comunemente noti come “Contratti per Differenza”: ecco il primo elemento da cui partire per giungere ad una definizione puntuale e precisa. I “Contracts for Difference” sono, appunto, dei contratti che vengono stipulati tra un venditore ed un acquirente, che non sono sottoposti a scadenza ci consentono un’esposizione trasversale verso qualsiasi asset finanziario.

In termini più semplici, i CFD permettono ai traders, grazie all’intermediazione di broker online, di speculare su un prodotto senza acquistarlo direttamente. Ciò significa che non inseriremo un determinato bene di mercato nel nostro wallet, poiché grazie ai Contratti per Differenza possiamo ottenere entrate sulla base delle variazioni di prezzo che lo stesso asset riporta.

CFD: Corso Completo 2022
CFD- Cosa sono? Corso da Zero sui Contratti per Differenza

Dunque, con i CFD possiamo registrare delle entrate semplicemente approfittando del divario di valore che caratterizza un asset finanziario dal momento di apertura a quello di chiusura di una posizione, possedendo il vantaggio di vendere allo scoperto (investimenti al ribasso).

La natura dei CFD è tale da renderli adatti sia per strategie di breve termine (intraday) da applicare a mercati come il Forex e le criptovalute, sia per coprire posizioni da cassettista, ovvero di lungo periodo. Conoscendo il significato di CFD, adesso possiamo scoprire al meglio come funzionano e quali sono i vantaggi di cui possiamo approfittare investendo con tali strumenti derivati.

CFD: Come funzionano? 

Abbiamo appurato che con i CFD non investiamo direttamente, ad esempio, su un’azione reale, ma piuttosto acquistiamo/vendiamo una quantità determinata di unità relativa a quel dato prodotto finanziario. Dunque, i CFD offrono un funzionamento abbastanza lineare e chiaro: effettuando le dovute previsioni, possiamo decidere se puntare al rialzo o al ribasso.

Una chance di investimento bilaterale, in questo caso, si impone tra le motivazioni portanti che hanno supportato la diffusione dei CFD come strumenti per investire i propri soldi su mercati finanziari internazionali direttamente online. 

Come vedremo in seguito, per investire con i CFD necessitiamo di una piattaforma di trading, gestita da un intermediario finanziario (broker online). Dopodiché, avrà accesso ad asset quotati sui mercati globali, avendo l’opportunità di speculare su qualsiasi azione, crypto o materia prima rientri tra le proprie preferenze. Il funzionamento dei CFD, rispetto alle modalità di investimento tradizionali, permette al trader di scegliere la cifra da investire, la direzione del proprio investimento: il tutto, a costi contenuti ed accessibili anche ad investitori che possiedono piccole somme.

Prima di proseguire, dobbiamo porre l’accento sul fatto che per quanto i CFD costituiscano degli strumenti finanziari innovativi e vantaggiosi, non limitano la nostra esposizione ai rischi di mercato. Per questa ragione, il CFD trading richiede impegno e costanza per raggiungere dei risultati soddisfacenti.

Videocorso gratis principianti sui CFD

Segnaliamo il videocorso del canale giocareinborsa.net sui CFD ideale per principianti che ancora non ne sanno nulla di trading, giocare in borsa e cfd trading

CFD o azioni: Attenzione alle differenze

Scoprire come funzionano i CFD sembra non placare i dubbi dei neofiti e di investitori di stampo tradizionale circa le differenze esistenti tra CFD ed azioni. O meglio, appaiono ancora poco chiare le discrepanze che intercorrono tra l’acquisto di azioni e il trading CFD sui titoli azionari.

In realtà, presupponiamo che si tratti di aspetti già emersi dalle descrizioni precedenti. Tuttavia, possiamo presentare un esempio pratico per chiarire quali sono i punti di divergenza esistenti tra queste due modalità di investimento.

Comprare azioni, come abbiamo visto, significa investire su un titolo che realmente verrà inserito nel nostro wallet. Dunque, possiamo puntare esclusivamente al rialzo, acquistando una o più azioni al proprio valore di mercato.

Ad esempio, se volessimo comprare azioni Apple, sappiamo che il valore per la singola unità sarà pari a $166,42, con profitti ottenibili esclusivamente se il prezzo dovesse rialzare. Al contrario, con i CFD possiamo investire in azioni Apple così come mostra l’esempio sottostante, ottenuto da un conto demo gratuito del broker eToro:

CFD
CFD: Come investire con eToro

La schermata qui inserita evidenzia come il CFD trading offra il vantaggio di poter determinare, in base alle nostre capacità economiche, l’importo per investire sul titolo APPLE.

Inoltre, possiamo facilmente notare come, prima di piazzare l’ordine, il broker consente l’applicazione di strumenti gestione rischio (stop loss e take profit), ma anche la leva finanziaria, con cui poter massimizzare i nostri eventuali profitti. Ciò significa che i CFD, per quanto non siano esenti da rischi, appaiono più convenienti e amplificano l’accessibilità ai mercati finanziari anche a piccoli investitori amatoriali.

Prima di proseguire, è naturale che da prospettive differenti, inquadriamo situazioni opposte tra loro. Più semplicemente, è naturale preferire l’acquisto diretto per operazioni di lungo periodo, così come è lecito adottare i CFD per speculazioni rapide e volte a trarre profitti immediati da qualsiasi situazione i mercati stiano vivendo.

CFD: Caratteristiche Principali

Dopo una panoramica generale utile per definire cosa sono e come funzionano i CFD, è bene presentare quelle che risultano le principali caratteristiche di tali strumenti finanziari derivati. Più che caratteristiche, potremmo definire gli aspetti che seguiranno come dei veri vantaggi di investire con i CFD.

I CFD presentano, quindi, le seguenti caratteristiche vantaggiose di cui poter approfittare:

  1. Short Selling (vendita allo scoperto)

Il primo beneficio di fare CFD trading con una delle migliori piattaforme di trading riguarda la possibilità di vendere allo scoperto o andare in short. Come suggerisce il termine, si tratta di un’operazione finanziaria che consente all’investitore di piazzare un ordine anche quando i mercati finanziari sono in pieno subbuglio. In termini più semplici, con la vendita allo scoperto decidiamo di investire al ribasso, speculando sul calo di valore di un determinato asset. 

A seguito di quanto abbiamo affermato fino ad ora, i CFD non offrono l’accesso diretto ai prodotti finanziari sui quali intendiamo investire. Pertanto, in base alle nostre previsioni di mercato, venderemo un asset che non possediamo realmente – ma che fornisce in prestito un broker- con lo scopo di acquistarlo in un secondo momento. I profitti di questa manovra finanziaria risiedono nel momento  in cui riacquistiamo l’asset ad un prezzo inferiore rispetto a quando lo abbiamo venduto. Di conseguenza, è intuitivo affermare che la vendita allo scoperto si rivela utile per approfittare anche di fasi negative di mercato: non è un caso se, ad oggi, l’ambito del trading online straripa di short seller.

Prima di cimentarsi in operazioni complesse ed impegnative, consigliamo di valutare attentamente i rischi di vendere allo scoperto facendo pratica, senza esporsi ad alcun tipo di rischio, attraverso il conto demo gratuito proposto da FP Markets (disponibile qui).

  1. Leva Finanziaria

Il trading mediante CFD apre le porte dell’ambito finanziario anche a risparmiatori alle prime armi, i quali dispongono di somme contenute da utilizzare come capitale di partenza. Di norma, a risorse economiche limitate corrisponderebbero dei ritorni altrettanto esigui. Tuttavia, l’introduzione di uno strumento come la leva finanziaria nel CFD trading permette di incrementare la nostra esposizione al mercato, al fine di massimizzare i nostri eventuali profitti. Il funzionamento è abbastanza semplice: investiremo solo una parte del nostro capitale; mentre la posizione verrà coperta dal denaro anticipato dal nostro broker. Ciò significa che negoziando solo una piccola porzione del nostro deposito, possiamo piazzare un ordine dal valore maggiore.

La leva finanziaria è, per molti investitori esperti, un supporto per aumentare i propri rendimenti, sia in caso di rialzo che di ribasso dei mercati. Tuttavia, è essenziale considerarla come un’arma a doppio taglio: per quanto la percentuale di profitti sia più elevata, rialzano anche i rischi. Infatti, così come le eventuali entrate derivate da un investimento con leverage, anche le perdite sono calcolate sulla base della posizione aperta. Per questa ragione, suggeriamo di fare il cosiddetto “trading a margine” solo dopo aver raggiunto l’esperienza necessaria e aver determinato con attenzione gli obiettivi finanziari che si intendono conseguire.

  1. Assenza di commissioni

Un ulteriore aspetto che rende i CFD così popolari tra i neofiti del settore riguarda l’assenza di commissioni. Più nello specifico, facciamo riferimento al fatto che non siamo più tenuti a far fronte a costi fissi relativi all’acquisto diretto e/o alla gestione del nostro piano di investimenti. In linea di massima, negoziare con i CFD implica il pagamento del cosiddetto spread; una cifra variabile ed irrisoria la quale è anche l’unica fonte di entrata per i broker di trading online.

Lo spread in parole semplici è la differenza di valori che caratterizza un prodotto finanziario in due momenti differenti. Dunque, possiamo intenderlo come il divario esistente tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita, dal quale abbiamo l’opportunità di cogliere i livelli attuali di liquidità in cui riversa un dato mercato/asset finanziario. Naturalmente, è possibile incappare in altre tipologie di costi, come le commissioni overnight, applicate nel caso in cui tenessimo una posizione aperta anche durante le ore notturne. Tuttavia, come già affermato, si tratta di tariffe che variano in base all’andamento di mercato e che, in linea di massima, non limitano le possibilità di investimento nemmeno a coloro che possiedono piccole somme. 

Visitando il sito ufficiale di eToro sarà possibile, infatti, scoprire quali sono le commissioni applicate per la negoziazione mediante CFD, in modo da poter operare in linea con le proprie risorse, portando avanti un piano di trading che rifletta le nostre esigenze e sia sostenibile nel tempo.

  1. Contratti trasparenti e non sottoposti a scadenza

I CFD sono dei contratti che presentano un funzionamento semplice, immediato e trasparente. Infatti, sappiamo che per ciò che riguarda i costi, questi sono legati ai valori riportati dal sottostante a cui fanno riferimento. Inoltre, rispetto ai futures, ad esempio, i CFD non scadono. Per questa ragione, è il trader a decidere quando e come chiudere una posizione.

  1. Rischi controllabili e ampia accessibilità ai principali mercati 

Grazie al funzionamento dei CFD e alle soluzioni proposte da piattaforme come Capital.com (visita il sito ufficiale qui), prima di negoziare possiamo accertarci di limitare la nostra esposizione verso i rischi di mercato. Uno dei modi più semplici per farlo è applicare strumenti di gestione rischio come stop loss e take profit. Tutto ciò diviene ancor più vantaggioso se consideriamo che i CFD possiamo negoziare su un’ampia varietà di mercati, oppure su una vasta gamma di prodotti appartenenti alla medesima asset-class. Infatti, i Contratti per Differenza concedono a qualsiasi investitore di progettare un piano che rispetti le tempistiche prestabilite per effettuare le proprie operazioni, stabilendo il tetto massimo di perdite che è disposto a correre.

CFD Trading: Come iniziare?

Ci sono dei passaggi essenziali da conoscere per iniziare ad investire con i CFD? Partendo dal presupposto che questo si impone come uno dei dubbi primari che attanaglia i traders alle prime armi, possiamo definire gli step più importanti per cominciare a fare CFD trading:

  1. Scegliere una piattaforma di trading

Accedere ai mercati finanziari con i CFD implica la selezione di un broker di trading online, il quale svolge il ruolo di intermediario finanziario che rende disponibile una piattaforma con cui aprire un conto e svolgere le nostre negoziazioni. In breve, la piattaforma di trading sarà il nostro mezzo principale dalla quale investire e con cui monitorare, anche in tempo reale, l’andamento delle nostre operazioni.

  1. Fare pratica in modalità demo

Un comun denominatore che caratterizza i servizi proposti da broker affidabili e competenti riguarda la presenza di un conto demo gratuito: un asso nella manica vantaggioso sotto molteplici punti di vista per iniziare a fare CFD trading. Infatti, grazie alla modalità di prova, possiamo testare le nostre abilità e comprendere al meglio il funzionamento dei CFD senza esporre il nostro capitale ad alcun tipo di rischio. Accederemo a mercati aggiornati e ad una piattaforma speculare a quella reale, ma investiremo con del credito virtuale, almeno fin quando non acquisiremo le skills necessarie per investire i nostri risparmi in modo sicuro.

  1. Progettare un piano di investimento da rispettare nel tempo.

L’ultimo passaggio da dover assolutamente valutare riguarda la realizzazione di un piano di investimento confacente alle nostre capacità operative, al deposito iniziale versato sul conto reale e alle strategie di trading che abbiamo deciso di adottare. Per evitare di incorrere sia nei rischi sistematici che non, tipici degli investimenti online, il nostro compito sarà quello di negoziare consapevoli dell’attuale situazione dei mercati, attuando investimenti coerenti e tollerabili per il profilo da trader da noi assunto.

Fare trading con i CFD può essere la soluzione migliore per cimentarsi in investimenti profittevoli nel tempo. Parallelamente, può rivelarsi una scelta rischiosa e poco redditizia: tutto dipende dalle scelte e dalle modalità operative che decidiamo di adottare nel corso della nostra attività di trading online.

CFD: Migliori piattaforme per fare trading online

In relazione a quanto affermato poc’anzi, abbiamo deciso di proporre una classifica delle migliori piattaforme per fare CFD trading:

eToro

  1. Social & Copy Trading
  2. Staking crypto (ricompense)
  3. CopyPortfolios

Con eToro puoi copiare le operazioni dei trader professionisti, investire in portafogli gestiti ed ottenere ricompense automatiche.

Inizia ora

Capital.com

  1. Intelligenza Artificiale
  2. MT4 & TradingView
  3. Segnali Trading Central

Capital.com è il broker perfetto per lo "Smart Trading" e per fare trading in modalità automatica su 4.000+ mercati.

Inizia ora

FP Markets

  1. Social Trading
  2. AutoTrading
  3. Spreads 0.0

FP Markets è la piattaforma ideale per chi intende fare trading automatizzato, avere spreads bassi e fare trading con algoritmi.

Inizia ora

IQ Option

  1. Trade min. 1€
  2. Social Trading
  3. Tornei e Conto VIP

IQ Option è il broker ideale per chi vuole iniziare nel trading con piccole somme. Piattaforma veloce, intuitiva e stile "gaming".

Inizia ora

Trade.com

  1. Segnali Trading
  2. MetaTrader 4 / 5
  3. Corsi personalizzati

Trade.com offre piattaforme ideali per il trading algoritmico, offre segnali e corsi di formazione gartuiti.

Inizia ora

Consultando la tabella qui inserita, si avrà a disposizione un’accurata scelta di broker autorizzati e certificati, i quali propongono delle condizioni sicure per iniziare a fare CFD trading. Inoltre, si tratta di piattaforme che agevolano sia utenti inesperti che investitori già avanzati, disponendo di funzionalità e strumenti all’avanguardia con cui studiare, analizzare ed operare sui principali mercati verso cui intendiamo indirizzare il nostro capitale.

Ad esempio, la piattaforma Trade.com (vai al sito ufficiale qui) è l’ideale per i neofiti che necessitano di intraprendere un percorso formativo gratuito e valido ai fini della propria preparazione. Infatti, accedendo all’area didattica disponibile, possiamo scoprire tutto ciò che riguarda i CFD, approfondendo argomenti relativi ai mercati e alle strategie consigliate. Inoltre, Trade.com offre il coaching live 1:1 (da scoprire qui), per ricevere una consulenza personale ed apprendere le nozioni necessarie per iniziare a fare CFD trading.

Un’altra piattaforma dall’indiscussa popolarità internazionale è eToro (scopri qui il sito), particolarmente noto come leader del Copy e del Social Trading, il quale ha progettato una piattaforma propria che integra e combina funzioni che si rivolgono a qualsiasi categoria di trader.

Oltre all’accessibilità verso i principali mercati concessa mediante l’uso dei CFD, il broker consente anche di negoziare in modalità diretta (DMA). In quest’ultimo caso, il vantaggio è legato all’acquisto di azioni estere scelte dal broker stesso a zero costi. Per scoprire l’intera offerta sulle Real Stock eToro, è sufficiente visitare questo indirizzo.

La tabella è comprensiva di ulteriori piattaforme la cui efficienza e affidabilità sono chiare ed evidenti. Ad esempio, FP Markets (panoramica del sito qui) è l’ideale per affrontare un percorso graduale di trading con i CFD, il quale culminerà con l’uso di una piattaforma avanzata e di ultima generazione come MetaTrader. Oppure, abbiamo a disposizione gli strumenti ideati dal broker pluripremiato Capital.com (sito ufficiale qui), come il sistema di Intelligenza Artificiale.

Grazie a questo, infatti, possiamo scoprire quali sono gli errori che commettiamo con maggiore frequenza e, al contempo, ricevere consigli e dritte per indirizzare correttamente le nostre future operazioni. Anche in questo caso, quindi, godremo del supporto di tools che dovrebbero guidarci verso le scelte operative più giuste, al fine di cogliere a pieno i vantaggi dei CFD.

Scopri qui quali sono le migliori piattaforme di trading online

CFD e mercati: Su cosa investire?

Dopo aver optato per il broker di CFD trading più adatto alle nostre esigenze, incontreremo un’ulteriore questione che si frappone tra noi e i nostri investimenti: quali sono i mercati accessibili facendo CFD trading?

Possiamo anticipare che, in realtà, i CFD non pongono alcun limite di accessibilità. Anche se, è bene iniziare a precisare che ogni broker possiede un listino di asset differenti. Per questa ragione, suggeriamo di valutare in precedenza quali sono i mercati ed i prodotti finanziari su cui investire prima di selezionare una piattaforma che non risponde perfettamente alle nostre preferenze.

Intanto, i paragrafi precedenti avranno come oggetto la descrizione dei mercati su cui poter investire con i CFD. Oltre ad ottenere una visione più concreta delle possibilità offerte da tali strumenti finanziari, tale discorso amplifica il carattere innovativo e vantaggioso, da diverse prospettive, che caratterizza il CFD trading.

CFD Azioni e Indici di Borsa

Un evegreen per ogni investitore è, da sempre, il mercato borsistico. Senza indugiare oltre, possiamo confermare che tramite un’apposita e sicura piattaforma di trading, possiamo investire in azioni e Indici di Borsa con i CFD.

CFD
Investire in azioni mediante CFD

Oltre alla compravendita di titoli italiani, quotati su Piazza Affari, possiamo ampliare i nostri investimenti puntando ad azioni internazionali, appartenenti anche a mercati emergenti o asiatici. 

Sebbene il trading azionario sia fonte di profitti per numerosi trader, i meno esperti possono equilibrare i rischi di partenza decidendo di fare CFD trading sui principali Indici di Borsa. Grazie alla natura di tali asset, i quali presentano una diversificazione interna ed un andamento di mercato facilmente monitorabile, risultano adatti per investire sul medio/lungo periodo ed investire mantenendo un profilo di rischio cauto e contenuto.

CFD Mercato Forex

Il mercato Forex (Foreign Exchange Market) è uno dei preferiti dagli investitori che hanno compreso come trarre il meglio da strumenti derivati flessibili e versatili come i CFD. Infatti, il mercato valutario presenta due peculiarità costanti: elevati volumi di liquidità e livelli evidenti di volatilità giornaliera. Se consideriamo anche che si tratta di un mercato decentralizzato sul quale possiamo negoziare H24 7/7, emerge la convenienza di investire tramite CFD.

Possiamo scegliere di negoziare su coppie soggette a continue variazioni di prezzo come GPB/JPY, oppure di puntare alle major come EUR/USD; una delle coppie più negoziate di sempre. In questo caso, possiamo tentare un approccio giornaliero (trading intraday), sfruttando tutti i benefici connessi ai CFD, come la leva finanziaria e la vendita allo scoperto.

CFD per speculare sulle criptovalute

Un mercato caotico e in pieno tumulto è quello delle valute digitali, ovvero delle criptovalute, sempre accessibile grazie alle proposte dei migliori broker di CFD trading. La speculazione sulle crypto è un trend che sembra coinvolgere un numero sempre crescente di trader. Per tale ragione, tale asset class è costituita da volumi di trading ed una volatilità giornaliera tale da rivelarsi adatta alla compravendita attraverso i Contratti per Differenza.

Investire con i CFD sulle più appetibili valute digitali, comprese le criptovalute emergenti, è un percorso che può mostrarsi insidioso nel caso di investitori ancora poco esperti, poiché potrebbe risultare complicato restare al passo con le frequenti variazioni di valore riportate anche nell’arco di pochi istanti. Per iniziare, consigliamo di operare con le migliori piattaforme criptovalute, così da ricevere il sostegno necessario per portare avanti un’attività di CFD trading criptovalute equilibrata e profittevole.

CFD Materie Prime

Uno dei mercati in cui i CFD palesano la propria efficienza ed innovazione è quello delle materie prime (commodities). la ragione di ciò è molto semplice: non abbiamo più necessità di  acquistare una materia prima fisica, affrontare spese di gestione ed eventuale manutenzione, in attesa del momento in cui questa incrementerà il proprio valore e potrà essere oggetto di interesse da parte di qualche acquirente.

Fare CFD trading sulle commodities, infatti, permette di intervenire su beni rifugio come l’oro o beni come il petrolio, lo zucchero, il palladio in maniera trasversale. In breve, possiamo speculare sull’andamento di una o più materie prime, riducendo i costi e tentando di massimizzare i profitti.

CFD: 🆓 Simulazione e Trading Demo

Sembra che una delle preoccupazioni più comuni di coloro che hanno intenzione di iniziare a capire cosa sono i CFD e come funzionano ricada sulla ricerca di una simulazione di trading gratuita. Per quanto possa apparire una questione di difficile risoluzione, in verità per simulare il funzionamento e l’esito ottenibile dalle nostre operazioni finanziarie basterà fare trading online demo.

Come abbiamo anticipato in precedenza, è una modalità con la quale accedere ai mercati ed investire online, ma attraverso il credito che il nostro broker fornisce. Tale scelta conferisce un duplice beneficio: possiamo investire mettendo al riparo i nostri risparmi, ma una simulazione di CFD trading è l’ideale anche per acquisire familiarità e dimestichezza con una piattaforma.

Una direzione intrapresa da un numero consistente di trader alle prime armi, alla ricerca di soluzioni immediate per una simulazione di CFD gratuita, è la scelta di un’app di trading intuitiva e user friendly, con cui provare a costruire un wallet e verificarne i possibili rendimenti. Dopo questo passaggio, avremo la certezza di poter investire attraverso CFD in maniera autonoma e consapevole.

Intanto, ecco le migliori app simulazione CFD Trading consigliate per il 2022:

📱Piattaforma💰Costo🎮Sistemi Compatibili❓Dove scaricare👌Credito Disponibile
eToroGRATISiOS/ AndroidScarica Qui Gratis100.000$
Trade.comGRATISiOS/ AndroidScarica Qui Gratis10.000$
Capital.comGRATISiOS/ AndroidScarica Qui Gratis1.000$
FP MarketsGRATISiOS/ AndroidScarica Qui Gratis100.000$
IQ OptionGRATISiOS/ AndroidScarica Qui Gratis10.000$
CFD: App per la simulazione di trading 2022

Vogliamo precisare che, scaricando una delle applicazioni di trading qui inserite per simulare gratuitamente un’attività di CFD trading, il credito virtuale a nostra disposizione potrà essere ricaricato a nostro piacimento. Ciò significa che, i migliori broker qui inseriti, lasciano liberi gli investitori di testare l’andamento delle proprie operazioni attraverso i CFD, così che possano giungere al livello di fiducia necessaria per muovere i primi passi in totale autonomia.

CFD: Commissioni e Costi

Quali sono i costi e le commissioni di quando si investe con i CFD? Considerando l’importanza di questa domanda, soprattutto nel caso di risparmiatori autonomi e che dispongono di capitali limitati, possiamo fornire una risposta più concreta, elencando quali sono i costi tipici applicati agli investimenti tramite Contratti per Differenza.

Le principali commissioni applicate sono:

  • Spread

Come abbiamo già accennato, tale termine tecnico indica semplicemente la differenza di prezzo di un asset dal momento dell’acquisto a quello di vendita (bid ask). Per quanto sia una cifra variabile in base alle condizioni di mercato, possiamo avere un’idea dello spread applicato dando un’occhiata ai piani commissionali previsti dalle singole piattaforme di trading. Naturalmente, è chiaro che lo spread cambi in base al mercato finanziario sul quale intendiamo investire, ma è anche soggetto ai livelli di volatilità giornaliera. Ricordiamo che, per quanto sia banale, uno spread minore è sempre più conveniente, poiché significa operare delle somme irrisorie ogni qualvolta apriamo una posizione.

  • Commissioni Overnight

Come rende noto il termine in inglese, questa tipologia di costi viene applicata quando si mantiene una posizione aperta anche durante le ore notturne (oltre le 23 per i mercati tradizionali soggetti a chiusura, come quello borsistico).

Questa tipologia di commissione è anche nota come rollover e, di norma, è definita sulla base della tipica legge di  domanda/offerta che caratterizza il mercato. Inoltre, il costo applicato può cambiare in base alla direzione del nostro ordine; ovvero se andiamo in long o in short.

Bisogna chiarire che, nel caso in cui decidessimo di operare adottando un approccio di lungo termine con aggiunta di leva finanziaria, la commissione overnight rifletterà l’intero ordine piazzato.

Il calcolo delle commissioni overnight deriva dal LIBOR (London Interbank Offered Rate) a cui aggiungeremo lo spread. Tuttavia, partendo dal presupposto che ogni piattaforma prevede degli spread diversi, non è una somma che possiamo calcolare autonomamente.

Ciò non dovrebbe costituire un problema: piattaforme professionali come eToro (scopri qui il sito) presentano una schermata che riepiloga le commissioni applicate all’operazione ancor prima di investire attraverso i CFD. Inoltre, i costi applicati dal broker sono trasparenti e chiari, poiché consultabili facilmente accedendo alla piattaforma, così come mostra la seguente immagine:

CFD: Commissioni e Costi del broker eToro

Dalla schermata qui inserita, possiamo notare come le commissioni del broker eToro siano competitive ed in linea con la media di mercato. Difatti, per la compravendita di azioni ed ETF con CFD, lo spread parte da 0,9%, rendendo accessibile e sostenibile un’attività di trading sul mercato borsistico a qualsiasi tipologia di investitore.

CFD: Come sfruttarli al meglio?

Abbiamo ampiamente discusso circa i vantaggi e i rischi di investire online attraverso strumenti derivati come i CFD. Per quanto i rischi sistematici relativi alla natura e alle caratteristiche dei singoli mercati finanziari non possano essere eliminati del tutto, possiamo ugualmente metterci all’opera per tentare di ridurli il più possibile.  

Come è possibile fare CFD trading dirigendo i nostri investimenti verso la più corretta direzione di mercato? Semplice: prima di piazzare un ordine, dobbiamo effettuare le dovute valutazioni e/o previsioni grazie al supporto di due discipline basilari in questo contesto: l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale.

Per quanto siano materie differenti, sono complementari tra loro: combinare i dati ricavati da entrambi gli studi dovrebbe favorire le nostre operazioni, poiché rifletterebbero la reale situazione vissuta dai mercati. Vediamo, nello specifico, quali sono i benefici di analizzare i mercati secondo tali prospettive quando decidiamo di fare CFD trading:

  • Analisi tecnica

Una disciplina essenziale per capire in che modo direzionare i nostri investimenti è l’analisi tecnica. Si tratta di uno studio che richiede l’ausilio di appositi grafici di trading, dai quali poter visionare le tendenze e l’andamento particolare di un determinato asset.

A tal proposito, anticipiamo che risulta essenziale settare correttamente il nostro grafico, inserendo il time frame corretto in base alle strategie e agli orizzonti temporali che intendiamo coprire. Inoltre, possiamo sfruttare l’utilità dei numerosi indicatori di trading per focalizzare il nostro studio su particolari caratteristiche: ad esempio, alcuni di questi ci consentono di rilevare i livelli di volatilità giornaliera, oppure captare eventuali inversione di trend.

L’analisi tecnica, insomma, è fondamentale per tentare di prevedere le tendenze future di un asset, partendo dall’analisi dei dati e le statistiche passate. Non possiamo evitare di confermare che può rivelarsi una disciplina complessa per investitori alle prime armi. Tuttavia, possiamo facilmente ovviare a tale problema intraprendendo un percorso formativo gratuito sui CFD e l’analisi tecnica come quello proposto da Trade.com (raggiungibile a questo indirizzo).

  • Analisi fondamentale

Parallelamente all’analisi tecnica, suggeriamo di non tralasciare l’importanza di quella fondamentale, soprattutto perché risulta una disciplina più intuitiva e semplice. Nel CFD trading, l’analisi fondamentale è una risorsa fondamentale per comprendere quali sono i fattori microeconomici e macroeconomici che possono influenzare l’andamento di mercato di un determinato asset.

Attraverso questa, possiamo riuscire ad identificare la solidità e la stabilità patrimoniale di una società, la redditività e il proprio posizionamento di mercato, comparandolo anche ai principali competitors. Ciò significa, più semplicemente, che l’analisi fondamentale aiuta gli investitori nella valutazione della convenienza di un investimento, prendendo in considerazione anche quelle che sono le news di mercato più recenti. 

In base a quanto abbiamo appena spiegato, emerge che nel CFD trading, per investire al meglio, dobbiamo basare le nostre operazioni sia su dati economico-statistici, che su parametri di natura macroeconomica. In effetti, solo avendo una visione d’insieme circa la situazione attuale e futura di un asset possiamo decidere come e quando investire i nostri risparmi, traendo il meglio da strumenti flessibili come i Contratti per Differenza.

CFD: Rischi e Vantaggi

Quali sono i principali vantaggi e i più temuti rischi dei CFD? Paragonando gli eventuali benefit  ai contro di investire online attraverso questi strumenti, sarà più semplice individuare il percorso finanziario che più si addice ai nostri obiettivi e/o concrete abilità operative.

Di seguito, ecco una sintesi di quelli che si impongono come i principali rischi e vantaggi dei CFD:

❌ RISCHI CFD✓ VANTAGGI CFD
Impossibilità di ricezione dividendiOttimizzazione profitti (con Leva Finanziaria)
Esposizione alla volatilità di mercatoPossibilità di investire al ribasso
Scelta errata del broker/piattaformaCapitale iniziale contenuto 
Costi variabili e competitivi
Adatti a principianti
CFD: Rischi e Vantaggi

I pro di investire attraverso i CFD sono nettamente maggiori se comparati ai rischi qui rilevati. Tuttavia, suggeriamo di non prendere alla leggera i pericoli di investire con degli strumenti derivati, soprattutto nel caso in cui avessimo poca esperienza alle spalle.

Tra i principali rischi che, molto spesso, ledono l’operatività di un neofita c’è la scelta sbagliata del broker con cui fare CFD trading: una piattaforma non autorizzata può, molto probabilmente, essere luogo di truffe attuate da broker che non esercitano il proprio compito in maniera legale, accaparrandosi l’intero deposito effettuato dagli utenti. 

Un’altra questione che, quasi sempre, passa inosservata agli occhi di investitori poco consapevoli ricade sul fatto che con i CFD, pur investendo sul lungo termine, non abbiamo diritto ai dividendi. Le ragioni di ciò, in verità, sono anche abbastanza intuitive: non siamo reali possessori del titolo.

Molti dei rischi e dei pericoli insiti nei CFD sono arginabili se riusciamo ad eseguire delle manovre volte alla massimizzazione dei nostri eventuali profitti, investendo in base al profilo di investitori che abbiamo realizzato. Difatti, la prima regola per non esporre i nostri risparmi ai rischi diretti del CFD trading è quello di non compiere mai un passo più lungo della gamba: tradotto in termini finanziari, investire più di quanto possiamo realmente permetterci non è mai la scelta giusta.

Investire con CFD: Conviene?

Conviene investire con i CFD? Il CFD trading è la modalità di investimento giusta nel 2022? Consapevoli della risonanza che dubbi del genere possiedono tra piccoli trader ed investitori ancora agli albori della propria carriera, potrebbe risultare utile capire se effettivamente i CFD sono strumenti convenienti per accedere ai mercati finanziari online.

In primis, parte della risposta è già stata fornita in precedenza, quando abbiamo messo in chiaro che i vantaggi di investire con i CFD sono maggiori rispetto agli svantaggi. Tuttavia, possiamo ugualmente provare ad approfondire l’argomento, in modo da rassicurare i principianti circa la reale accessibilità e adeguatezza di tali strumenti finanziari alle proprie capacità. 

I CFD, attualmente, possono rivelarsi particolarmente utili per investire sui principali mercati finanziari, senza preoccuparsi eccessivamente dello stato caotico e spesso incerto in cui riversano. Grazie alla dinamicità di tali derivati, come abbiamo visto, possiamo investire al ribasso e tentare di chiudere in positivo anche quando gli scenari non sono poi così favorevoli.

Insomma, i CFD assicurano maggiori chance di profitto rispetto alle tradizionali forme di investimento: ciò, ovviamente, ha valenza esclusivamente se riusciamo a capire come e quando aprire/chiudere una posizione di mercato. La convenienza dei CFD è evidente anche dal fatto che sono gli strumenti finanziari più utilizzati da investitori privati ed indipendenti, grazie all’ampia accessibilità che li caratterizza.

Con l’accesso ai mercati globali, costi variabili e sempre in linea con la media di mercato e l’occasione di investire partendo da piccole somme, godendo del supporto di strumenti come la leva finanziaria, è chiaro che i CFD rappresentano una delle soluzioni più innovative, convenienti e popolari degli ultimi tempo per investire i propri risparmi.

Grazie al sostegno di broker come Trade.com (visita qui il sito ufficiale), l’esperienza di cui necessitiamo possiamo costruirla in maniera cauta e graduale, concedendoci il tempo necessario per trasformare i rischi in opportunità di profitto.

CFD: Opinioni e Consigli di investimento

Prima di giungere al termine della nostra guida completa ai CFD, potrebbe rivelarsi d’aiuto scoprire quali sono le opinioni degli utenti circa tali strumenti finanziari. Allo stesso modo, presentare alcuni suggerimenti di investimento elargiti dai più esperti è un modo per iniziare a capire come muoversi per approfittare dei vantaggi insiti nel CFD trading.

In linea generale, possiamo constatare che i CFD risultano la prima scelta di coloro che intendono investire i propri risparmi, assicurandosi una gestione autonoma e in conformità con le proprie risorse economiche.

Un esempio concreto riguarda le statistiche risalenti al 2021: solo negli UK, la percentuale di coloro che ha deciso di investire con i CFD è rialzata del +33% rispetto all’anno precedente. Secondo il parere  degli esperti, la popolarità e la costante diffusione dei CFD su scala mondiale è una conseguenza di tali fattori:

  1. Possibilità di applicare la leva finanziaria per ogni posizione;
  2. Investimenti tesi sia al rialzo che al ribasso;
  3. Investimento iniziale basso.

In effetti, l’opinione generale che caratterizza questa tendenza nel 2022 sembra evidenziare come il numero di traders sia crescente poiché le potenziali occasioni per investire online sono più visibili e sostenibili oggi grazie alla natura dei Contratti per Differenza e alle funzionalità messe a disposizione dalle migliori piattaforme di trading.

Investitori che hanno iniziato ad investire con i CFD da zero suggeriscono di sfruttare al meglio gli strumenti che broker come FP Markets (raggiungi qui il sito ufficiale) mettono a disposizione dei propri utenti, come il calendario economico. In effetti, è bene ricordare che per orientare correttamente i nostri investimenti, dobbiamo avere ben chiara la situazione economico-finanziaria, ma anche politica e sociale che caratterizza gli scenari attuali.

I CFD sono una truffa?

Un dubbio che, da sempre, circonda il panorama dei CFD riguarda la possibilità di eventuali truffe. Ma il pericolo è davvero reale e preoccupante? In realtà, il rischio di incorrere in servizi truffaldini e malevoli è presente, ma è una situazione a cui possiamo ovviare facilmente.

Per evitare di incorrere in truffe quando operiamo con i CFD, dobbiamo avere cura di investire esclusivamente con piattaforme autorizzate e certificate. Infatti, non è un caso se ci siamo messi all’opera per fornire un’accurata selezione dei migliori broker con cui investire con i CFD oggi. 

Scegliere una piattaforma di trading, quindi, implica seguire alcuni accorgimenti, quali:

  • Verificare che un broker goda di un’ottima reputazione: in questo caso, possiamo consultare le opinioni online sui principali forum di trading o su siti come Trustpilot;
  • Controllare che presenti le certificazioni necessarie: enti come CySEC e CONSOB operano sul territorio europeo al fine di regolamentare le piattaforme e tutelare gli interessi degli utenti online. Pertanto, prima di sottoscrivere un conto CFD, è importante verificare il numero di licenza posseduto dal broker e accertarsi che sia in regola con quanto previsto dalle autorità di controllo internazionali;
  • Dare un’occhiata alle commissioni e ai costi applicati: come forse sarà già emerso in precedenza, piattaforme di trading professionali e autorizzate offrono un piano commissionale chiaro ed accessibile, al fine di mettere al corrente i potenziali utenti circa i costi che dovranno affrontare durante la propria attività di CFD trading.

Infine, per evitare di imbattersi in truffe, suggeriamo di stare alla larga da piattaforme che fanno pubblicità aggressive ed insistenti, promettendo di accrescere il nostro capitale in men che non si dica. I CFD, purtroppo, non sono esenti da rischi e non ci conducono verso operazioni sempre redditizie: ecco perché è importante investire con l’ausilio di broker professionali e competenti. 

Considerazioni Finali

Dopo un lungo excursus circa i CFD, iniziato da una definizione generale, per poi giungere ad una comprensione del funzionamento di tali strumenti derivati, possiamo giungere a delle conclusioni.

In linea generale, è emersa la convenienza di investire con CFD oggi, soprattutto grazie alle condizioni favorevoli di cui possiamo godere investendo online. Inoltre, un aspetto spesso messo da parte ma abbastanza importante è che il CFD trading  permette, agli investitori, di gestire in prima persona tutto ciò che riguarda la propria attività finanziaria, in modo da effettuare sempre manovre adiacenti alle proprie possibilità/obiettivi finali.

Prima di concludere, è bene ribadire che i rischi dei CFD vanno valutati ogni qualvolta decidiamo di accedere al mercato, evitando di esporci verso pericoli ai quali difficilmente potremmo riparare. Senza dubbio, uno dei primi passi da compiere per fare CFD trading in maniera responsabile e sicura è quello di scegliere una delle migliori piattaforme di trading attualmente disponibili, come quelle elencate in precedenza.

FAQ CFD – Domande e Risposte Frequenti

Cosa sono i CFD?

I CFD (Contratti per Differenza) sono strumenti finanziari derivati che replicano il valore di altri strumenti di investimento (azioni, Forex, criptovalute, materie prime), consentendo agli investitori di speculare sul prezzo degli stessi. Di conseguenza, possiamo definirli come strumenti flessibili, che consentono di investire sui principali asset finanziari, adottando approcci meno severi rispetto  alle tipiche modalità di investimento, poiché consentono di investire anche al ribasso.

Come investire con i CFD?

Per investire con i CFD è necessario selezionare una delle migliori piattaforme di trading, in modo da evitare di imbattersi in servizi truffaldini. Inoltre, si tratta del mezzo principali con cui accedere ai mercati e piazzare i nostri ordini, ricordando di gestire i rischi in base alle nostre reali capacità economiche.

I CFD sono rischiosi?

I CFD presentano una componente di rischio da dover valutare in base alla situazione e agli scenari attuali degli asset sui quali intendiamo investire. Anche se, generalmente, possiamo affermare che i vantaggi dei CFD sono maggiori rispetto ai rischi, soprattutto se riusciamo a capire come ridurli per ottimizzare i possibili profitti. 

Lascia un commento